“Le nostre battaglie non sono solo il caso dei giocatori fuori rosa ovviamente. Ci occupiamo di calcio femminile e calcio dilettantesco, un mondo in cui non vengono pagati ai giocatori nemmeno i rimborsi”. Queste le parole di Damiano Tommasi, presidente dell’Associazione Italiana Calciatori che ha quindi ribadito l’impegno nei confronti del calcio femminile.

E ancora: “Si parla di riduzione di numero delle squadre, ma la sostenibilità economica è un punto chiave: in altre nazioni giocare a calcio e un lavoro e ci si muove di conseguenza. Nei professionisti si fanno controlli per valutare se gli stipendi vengono pagati ogni due o tre mesi, ma troppo spesso lo straordinario diventa ordinario”.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!