Che l’ingresso della Juventus nel calcio femminile portasse scompiglio, lo si poteva immaginare, ma che fosse paragonabile ad uno tsunami, specialmente su Torino, proprio no, di seguito il post pubblicato sulla pagina facebbok del Torino Calcio Femminile firmato dal Presidente Roberto Salerno:

In questi giorni, la Juventus di Agnelli facendo leva, con dubbio stile e metodo, sulla propria forza, ha LETTERALMENTE fatto incetta di tesserate di tutte le Società femminili di Torino confidando nell’adesione incondizionata di queste società, forti soprattutto della “forza” di persuasione dei genitori prevedibilmente pronti a girare sotto-sopra le società che volessero anche solo “banfare”.

Anche se il TCF, che non si intimidisce davanti a nessuno, darà anch’esso il suo consenso a ciò, intendiamo chiarire alcuni aspetti meritevoli di attenzione e non alle ragazze, giovanissime, ma ai loro genitori dai quali abbiamo ricevuto un “bel grazie” e un “arrivederci e saluti” con tale disinvoltura che lascia stupiti dopo anni di addestramento, formazione e valorizzazione della loro ragazza.
A questi genitori facciamo presente che le società come il TCF non sono delle pro-loco o degli enti morali ma enti privati per il cui funzionamento vengono spese risorse ingenti interamente devolute all’insegnamento e crescita delle loro ragazze che, in casi come questi, andrebbero rifuse doverosamente non bastando a ciò i disinvolti “grazie e arrivederci”.

Questo anche perché, le Norme federali, essendo il calcio femminile puramente dilettantistico (anche quello della Juventus di Agnelli), non prevedono alcun rimborso (della Juventus) alla società che le trasferisce la propria Tesserata ma produce solo la perdita di quel “patrimonio” sportivo costruito in anni di addestramento, formazione e valorizzazione che la ragazza, trasferendosi”, fa venire meno.
Non crediamo sia il caso, poi, di citare il cosiddetto “contributo” annuale versato dai genitori come concorso parziale di queste spese in quanto, la loro entità, è equivalsa, in alcuni casi al costo di un biglietto di aereo per una trasferta di campionato.
Siamo contenti, dunque, per le ragazze che, in nessun modo, avremmo trattenuto nel TCF ma così i conti non tornano.

Inoltre, siamo l’unica società che ha militato 26 anni ininterrottamente in Serie A, ha conquistato 4 scudetti Primavera e 2 Trofei Federali Beppe Viola e, pertanto, non ci sentiamo inferiori, nel femminile, a nessuna altra società e, con ciò, intendiamo rispondere al modo arrogante con cui agiscono una società (la Juventus) e la sua nuova Allenatrice (Rita Guarino) che il TCF con orgoglio, da anni, ha sempre considerato una delle cause del sottosviluppo del calcio femminile in Italia e, perciò, un soggetto “indesiderato”.

Roberto SALERNO
Presidente TCF