Triatlon/ Bronzo per Angelica Olmo: “Gioia infinita”

Triatlon/ Bronzo per Angelica Olmo: “Gioia infinita”
Era scesa in gara senza pensare al risultato finale. E invece eccola salire sul podio grazie ad una prestazione importante che ancora una volta ha messo in risalto le sue doti.  Angelica Olmo (C.S. Carabinieri) conquista così una prestigiosa medaglia di bronzo ai Mondiali Under 23 di triathlon in Gold Coast, Australia. Titolo iridato all’americana Taylor Knibb, dominatrice assoluta della gara su distanza olimpica che si è lanciata a caccia del titolo iridato con una straripante azione solitaria nella frazione ciclistica, argento alla francese Cassandre Beaugrand, vincitrice della tappa di Amburgo di World Triathlon Series.
Una gara solida quella dell’azzurra, che non gareggiava dagli Europei di Glasgow dove fu protagonista di una brutta caduta che le causò un problema alla spalla.

Non mi aspettavo tutto questo un mese dopo la caduta agli Europei e i conseguenti problemi alla spalla – ha detto Angelica Olmo ai microfoni di ITU/TriathlonLive dopo il traguardo – ho deciso di affrontare la gara così come veniva, ma mi sono ritrovata a battagliare per il podio con Nicole, che ha provato a staccarmi. Non ho mollato e ci ho creduto fino in fondo. Sapevo che uscendo bene dall’acqua avrei avuto buone possibilità, ma la Knibb ha compiuto qualcosa di eccezionale”.

Siamo molto contenti per la performance di Angelica di oggi che l’ha portata sul terzo gradino del podio del Mondiale Under 23 – commenta Joel Filliol, Olympic Performance Director – È stato un mese impegnativo, una bella sfida per lei: dopo la caduta agli Europei di Glasgow e il conseguente infortunio alla spalla, è riuscita a presentarsi in buone condizioni al via della gara in Gold Coast malgrado siano state ovviamente settimane difficili. Siamo davvero felici per questo storico risultato per la nazionale italiana che si aggiunge agli altri importanti podi ottenuti durante l’anno e molto soddisfatti per la Olmo che, anche se gareggerà ancora in World Cup quest’anno, è riuscita a centrare uno dei suoi obiettivi primari della stagione”.

Angelica ha condotto una gara in maniera molto intelligente, ha controllato nella bici dopo un nuoto leggermente al di sotto dei suoi soliti standard a causa poco lavoro nel nuoto dopo l’infortunio di Glasgow e poi ha corso molto bene andando in progressione – ha commentato Luigi Bianchi, presidente della Federazione Italiana Triathlon – Knibb e Beaugrand erano imprendibili, la prima con una bici incredibile e la seconda con una corsa che tutti conosciamo, ma Angelica sta facendo una grande lavoro e i risultati si vedono”.

Annuncio pubblicitario

Circa l'autore

Matteo Angeli

Direttore responsabile Il fatto di aver avuto un papà bravo giornalista ha indubbiamente segnato la mia vita. Ma di sicuro lui non ha influito minimamente quel giorno che, appena diciottennne, rimasi folgorato da un tremendo fatto di cronaca. Chiesi ad un cronista di portami con se e fu in quel momento, mentre osservavo la scena, che sentii nascere qualcosa dentro: da grande anch'io avrei fatto il giornalista. Neppure il tempo di pensare che mi trovai in prova a Radio Babboleo, l'emittente più importante della mia terra, la Liguria. Quindi l'assunzione, poi le prime esperienze in tv, sui giornali locali, fino ad approdare al "mitico" Corriere Mercantile. Cronaca nera, politica, spettacoli e poi sport, tanto sport. Poi tante altre esperienze, di ogni tipo, in ogni campo. Oggi dopo quasi trent'anni il giornalismo è cambiato, e non poco. Io, a parte qualche ruga e qualche capello bianco, sono invece rimasto lo stesso. Pronto all'ennesima sfida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!