Calcio

Tutto il calcio femminile mondiale sarà a Milano per fare il punto dopo Francia 2019

Fonte:FIGC

Il Mondiale di calcio femminile di Francia 2019 è ormai archiviato ma questa edizione è destinata ancora a far parlare e soprattutto discutere. Il prossimo 22 settembre è, infatti, in programma una conferenza per analizzare tutti i dati – tecnici, tattici e atletici – generati da questa manifestazione. Ad ospitare questo evento, al quale sono invitati oltre ai commissari tecnici delle nazionali affiliate alla FIFA anche i direttori tecnici e i responsabili della sezione del calcio femminile delle sei confederazioni, si svolgerà a Milano.

Se il presidente FIFA, Gianni Infantino, ha definito il Mondiale di Francia 2019 come “la miglior edizione di sempre“, Branimir Ujević, responsabile coaching e sviluppo FIFA e responsabile del progetto per Gruppo di studio tecnico in Francia non ha dubbi: “La conferenza di Milano sarà uno strumento importante per assimilare quanto di buono generato in Francia anche in termini di sviluppo del movimento femminile. Sarà fondamentale sia per quel che riguarda le vicende legate al campo sia per tutti quelli che stanno pensando o iniziando ad investire in maniera importante sul calcio femminile“.

Nella storia di questa edizione del Mondiale, oltre alla vittoria degli USA, resterà impressa la trionfale cavalcata delle azzurre di Milena Bertolini, capaci di arrivare fino a quarti di finale fermate proprio dall’Olanda diventata poi vicecampione del Mondo. Il risultato dell’Italia ha permesso alla nazionale di scalare il ranking FIFA fino a raggiungere il 14esimo posto e assestarsi quindi a ridosso della Top 10.

 

 

 

Informazioni sull'autore

Diletta Barilla

Diletta Barilla

Da sempre appassionata di sport seguo prevalentemente il calcio, anche nella sua versione più “grezza” il soccer della lega americana. Sarà forse per la data di nascita, il 4 luglio, ma ho un debole per gli atleti a stelle e strisce e tutto lo sport made in USA. La racchetta da tennis sempre a portata di mano, il pallone come mantra

Commenta

Clicca qui per commentare