Atletica

Universiadi / Atletica: Luminosa Bogliolo e Roberta Bruni incantano e si prendono l’oro!

Alle Universiadi in corso a Napoli Luminosa Bogliolo e Roberta Bruni ieri sera hanno vinto l’oro a pochi minuti di distanza l’una dall’altra. La prima nei 100 metri ostacoli (sfiorando di tre centesimi il record italiano), la seconda nel salto con l’asta.
Vincere a Napoli è ancora più bello – dice Luminosa, 24 anni, di Albenga (Savona), studentessa di veterinaria – e tutte queste vittorie femminili dimostrano che è davvero anacronistico che si possa negare una completa parità tra uomini e donne. Avevo paura di non sentir bene lo starter, e volevo dare il massimo sul finale. Quando ho visto il tempo mi sono mangiata le mani, se avessi spinto di più fin dall’inizio avrei fatto il record. Ma pazienza. Ho preferito essere sicura di vincere la finale“.
Luminosa poi parla anche delle vittorie di Daisy Osakue e Ayomide Folorunso: “Quelle ragazze sono incredibili. Siamo diventate tutte amiche. Eravamo tutte alloggiate in nave, abbiamo fatto casino insieme tutte le sere. Si stava benissimo. Nessuno voleva stare in camera, anche perché molte non avevano le finestre, quindi stavamo sempre insieme sul ponte con vista Vesuvio. Poi ovviamente guardavamo tutte le gare. E soprattutto mangiavamo benissimo. Chissà cosa dirà la bilancia alla fine“.

Luminosa shining bright | Summer Universiade 2019

Luminosa Bogliolo (ITA) brightens up San Paolo Stadium with a dominant victory in the Women's 100m Hurdles. 🏃♀🏃♂ #Napoli2019 #ToBeUnique #Universiade💻📱🖥 Watch the Universiade on www.fisu.tv from 3 to 14 July! ☀🌋🍕

Gepostet von FISU – International University Sport am Donnerstag, 11. Juli 2019

La 25enne romana Roberta Bruni confessa di aver cercato questo risultato con ostinazione: “Ho tirato fuori gli artigli. Ho passato quattro anni veramente brutti, venivo da un infortunio e da un crollo psicologico veramente brutto. Ne sono uscita grazie al sostegno della mia consulente filosofica Francesca Esposito. Lo so che è strano è una figura nuova: qualcuno che ti aiuta ad analizzare il proprio percorso di vita nello sport e fuori attraverso la filosofia. Non è psicologia, è filosofia. Ci vuole pazienza e io fino a due anni fa non ne avevo. Ora voglio portare in alto il Gruppo Sportivo Carabinieri che mi ha sempre sostenuto anche nei momenti meno belli“.
Nella finale dominata da Roberta Bruni, c’è anche il settimo posto di Sonia Malavisi (Fiamme Gialle) a quota 4,31.