Proseguono le vacanze delle nostre campionesse. Anche Valeria Pirone ha scelto la Sardegna come meta del suo meritato relax, in attesa di ricominciare la nuova stagione, ancora con addosso la maglia del Mozzanica. 

“Nelle scorse settimane ho parlato con il mister e la società. Ho deciso di continuare la mia esperienza qui a Mozzanica e al mio rientro ufficializzeremo tutto.”

19 reti segnate, un record personale che le è valso la medaglia di bronzo nella leadership dei cannonieri dello scorso campionato, ma Valeria Pirone non ha nessuna intenzione di fermarsi qui.

“Con il Mozzanica quest anno ho raggiunto il mio record di reti realizzate in un campionato, ma so di poter dare ancora di più. Con il prossimo campionato voglio contribuire al raggiungimento degli obbiettivi che la società si prefisserà.”

Come hai vissuto la tua prima stagione al Mozzanica?

“Con la società e le compagne mi sono trovata subito bene. Calcisticamente ho fatto un po’ fatica all’inizio, ma poi pian piano le cose sono andate meglio e credo di poter dire che mi sono fatta conoscere per quella che sono.  Si può però fare ancora meglio, tutte possiamo far meglio e questo sarà il nostro obbiettivo primario.”

Mentre la società lavora sul mercato per la prossima stagione, la nazionale si prepara ai campionati europei d’Olanda. Dove può arrivare questa Italia?

“Sono convinta che faranno bene. Le ragazze daranno il massimo per mostrare a tutti il lavoro svolto in questi anni.”

Del gruppo azzurro Valeria Pirone avrebbe meritato sicuramente di far parte. Sei dispiaciuta di non essere stata presa in considerazione dal C.T.?

“Onestamente no, la maglia azzurra non deve essere un chiodo fisso per una calciatrice. Certo che mi avrebbe fatto piacere partecipare a questi campionati europei, ma il mister fa le sue scelte e per me va bene così.  Vorrà dire che cercherò di fare meglio ancora con il Mozzanica per convincerlo, ma in ogni caso la priorità è la mia squadra di club, se poi arriverà anche la convocazione in nazionale tanto meglio.”