Arti marziali Sport

Alex Orizio: “Il Kendo fin da bambina, quante soddisfazioni!”

Alex Orizio: "Il Kendo fin da bambina, quante soddisfazioni!"

Nome: Alessandra

Cognome: Orizio

Soprannome: Alex

Età: 28

Sposata: sì

Figli: no

Dove vive: Cazzago San Martino (Franciacorta)

Disciplina: Kendo

Come mai ha scelto il Kendo?

“E’ stato mio padre a chiedermi di provarlo, mi è subito piaciuto”

Quanti tatuaggi ha?
“Nessuno”

Un ricordo dai 0 ai 10 anni…
“Il primo giorno di judo”.

Un ricordo dai 10 ai 20 anni…
“Il mio primo campionato europeo”.

Un ricordo dell’ultimo anno?
“Il matrimonio”.

La prima cosa che fa al mattino?
“Una buona colazione”.

L’ultima prima di andare a letto?
“Mi alleno ogni sera”.

Si’ è mai ubriacata?
“Sì”.

La parolaccia che dice più spesso?
“Cacchio è una parolaccia?”.

La gioia più grande della sua vita?
“La vittoria agli Europei a squadre in Francia nel 2014”.

La delusione più grande?
“Alcuni Europei a livello individuali non andata come speravo”.

Da 0 a 100 quanto contano i soldi nella sua vita?
“60”

I principi?
“100”.

Il sesso?
“80”.

La canzone che ha in testa in questo momento?
“Statte zitto di Mannarino, la adoro”.

L’ultimo libro che le è piaciuto?
“Oceano mare, di Barricco”.

Piatto preferito?
“Pizza”

Bevanda preferita?
“Spritz”.

Poserebbe nuda per una rivista?
“No”

Ha mai ricevuto una proposta indecente.
“Eccome, più di una”.

Sempre rifiutate?
“Sempre”.

La legge è uguale per tutti?
“Teoricamente sì”.

E’ mai stata raccomandata da qualcuno?
“Per sfortuna no”.

Tre cose che guarda in un uomo…
“Gentilezza, occhi e senso dell’umorismo”.

E’ fedele?
“Sì”

E’ gelosa?
“No”.

E’ felice?
“Sì”.

Che cosa non farebbe mai neppure per 10 milioni di euro?
“Andare con qualcuno che non mi piace”.

Di cosa ha paura?
“Delle galline, mi blocco di colpo, urlo e scappo”.

Cosa cambierebbe del proprio corpo?
“Niente, mi va bene così”.

Ha mai fatto qualche ritocchino?
“No”.

Gli alieni esistono?
“Non lo so, ma penso che qualcosa ci sia”.

E’ stata sincera in questa intervista?
“Ovviamente sì”.Orizio: "Non ho paura di niente, solo delle galline..."

Informazioni sull'autore

Matteo Angeli

Matteo Angeli

Direttore responsabile

Il fatto di aver avuto un papà bravo giornalista ha indubbiamente segnato la mia vita. Ma di sicuro lui non ha influito minimamente quel giorno che, appena diciottennne, rimasi folgorato da un tremendo fatto di cronaca. Chiesi ad un cronista di portami con se e fu in quel momento, mentre osservavo la scena, che sentii nascere qualcosa dentro: da grande anch'io avrei fatto il giornalista. Neppure il tempo di pensare che mi trovai in prova a Radio Babboleo, l'emittente più importante della mia terra, la Liguria. Quindi l'assunzione, poi le prime esperienze in tv, sui giornali locali, fino ad approdare al "mitico" Corriere Mercantile. Cronaca nera, politica, spettacoli e poi sport, tanto sport. Poi tante altre esperienze, di ogni tipo, in ogni campo. Oggi dopo quasi trent'anni il giornalismo è cambiato, e non poco. Io, a parte qualche ruga e qualche capello bianco, sono invece rimasto lo stesso. Pronto all'ennesima sfida.

Commenta

Clicca qui per commentare