A Padova si sono assegnati i primi titoli ai Campionati Italiani 2020 di atletica leggera. Larissa Iapichino litiga col vento contrario e sperava di fare più di 6.32 metri (-1.7 m/s). La figlia di Fiona May vince comunque il suo primo titolo assoluto battendo Laura Strati (6.17) ed Elisa Naldi (6.17).
Nei 100 metri vince Zaynab Dosso (Fiamme Azzurre), la ventenne emiliana di origine ivoriana, che resiste alla rimonta di Irene Siragusa e conserva il centesimo di secondo di margine (11.35 a 11.36) che le regala il secondo titolo nazionale assoluto della carriera. Anna Bongiorni (Carabinieri) è terza in 11.40. Il vento alle spalle è oltre il limite (+2.2), ed è un peccato, perché il crono avrebbe permesso alla Dosso di entrare all’ottavo posto nella lista di sempre, agganciando, nell’elenco,  Vincenza Calì.  
Sveva Gerevini conferma il pronostico nell’eptathlon (5741), sul podio Sara Chiaratti (5235) e Lucia Quaglieri (5073).
Sara Fantini si impone nel lancio del martello con 68.50, ma spicca il bel 65.03 di Rachele Mori (miglior prestazione italiana juniores).
Luminosa Bogliolo (Fiamme Oro) centra l’appuntamento con il terzo titolo italiano consecutivo (sul gradino più alto ininterrottamente dal 2018), il quarto in carriera (si aggiunge l’alloro sui 60hs indoor 2019). Elisa Maria Di Lazzaro (Carabinieri) è seconda in 13.22, Linda Guizzetti (Cus Pro Patria Milano, 13.35) arpiona il terzo gradino del podio.
Vittoria netta, negli 800 metri, per Elena Bellò (Fiamme Azzurre, 2:04.01) frutto di un break all’attcco dell’ultima curva, utile a scavare il solco decisivo tra la vincitrice e le inseguitrici Eleonora Vandi (Avis Macerata, seconda in 2:05.19) e Gaia Sabbatini (Fiamme Azzurre, terza in 2:05.64)

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!