Luminosa Bogliolo in progress. L’ostacolista alassina, da qualche mese in forza alle Fiamme Oro Padova , ha vinto il Memorial Irena Szewinska (campionessa olimpica di 200 e 400) a Bydgoscz (Polonia). La ragazza allenata dal team Antonio Dotti-Ezio Madonia ha avuto, allo sparo, un tempo di reazione non proprio bruciante. Del resto, è sulla partenza che sta lavorando da anni Ezio Madonia. Dopo due barriere, però, l’azione di “Lumi” è stata molto fluida, tanto che il primo posto è stato subito un’occasione colta al volo. E anche il crono è stato all’altezza: 13”07 sui 100 hs, secondo tempo in carriera,  record stagionale nonché migliore prestazione italiana dell’anno. Ulteriore miglioramento dopo 13”14 ottenuto nel Memorial Ottolia  di Savona. Il minimo di ammissione per i Mondiali di Doha (decisamente alto: 12”98) non è apparso una chimera…
Ma l’affermazione risulta ancora  più gratificante perché ottenuta in una gara dove erano presenti atlete sulla carta più forti come l’americana Jade Barber. Invece Luminosa ha vinto con ampio margine: 13”07 contro 13”37 della polacca Klaudia Siciarz e 13”39 della deludente Barber.
Adesso Bogliolo cercherà il minimo per Doha in altri meeting all’estero. Sfortunata, invece, Sonia Malavisi, impegnata nel Meeting Filothei di sola asta a Atene (Grecia). Tre nulli a 4.20 hanno estromesso subito la tonicissima saltatrice dalla gara. Peccato, ma la stagione è ancora lunga…
Come ci si aspettava, la riunione è stata nobilitata dall’idolo locale Ekaterini Stefanidi, capace di vincere con la bella misura di 4.66. Un trionfo, sottolineato dal tifo  del pubblico , davanti alla connazionale Klaudia Eleni Polak (4.30) e alla svizzera Anna Moser (4.20).

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!