Luminosa Bogliolo ha illuminato l’ottavo Meeting internazionale Città di Savona con una convincente affermazione nella sua gara, i 100 hs. L’ostacolista alassina, da quest’anno accasata con il prestigioso team delle Fiamme Oro Padova, ha nettamente dominato dalle seconde barriere in poi.
L’azione dell’azzurra cresciuta nel Cus Genova sotto le attente cure dell’ex velocista olimpionico Ezio Madonia e di Antnio Dotti, è stata fluida e potente al tempo stesso. Un tuffo sul traguardo per limare centesimi preziosi ed ecco arrivare un 13”14 che è il terzo tempo di sempre nella carriera di “Lumi”, dopo il favoloso 12”99 dell’anno scorso (nella stessa riunione) e il 13”09 degli Europei di Berlino. Di più: si tratta anche della seconda affermazione consecutiva nel meeting allestito dal manager Marco Mura.
Nonostante la giornata grigia e l’umidità nell’aria, per la Bogliolo il crono è anche la migliore prestazione stagionale dopo 13”21 di Cinisello Balsamo quattro giorni fa.
Seconda la tenace Giulia Pennella (Esercito), 13”30. Nei 200 l,’azzurra Ayomide Florunso (Fiamme Oro), reduce dal terzo posto nei Mondiali a staffette di Yokohama, è terza nei 200. Chiude in 23”84 (+0.2) nella gara vinta dalla britannica Georgina Adam (23”72).
Nei 100 si afferma la potente inglese Kristal Awuah (11”46, +0.5) , che riesce a precedere in finale la giamaicana Remona Burchell (11”49), velocista più volte finalista ai mondiali indoor, e l’azzurra Johanelis Abreu Herrera (11”74). Nel giavellotto torna alla vittoria l’esperta Zahra Bani (Fiamme Azzurre) con 59.01, record del meeting.