Non vince solo il calcio azzurro in Europa. L’atletica italiana festeggia i trionfi negli Europei under 23 di Tallinn, in Estonia. Un bottino che non è mai stato così ricco: 13 medaglie in totale, di cui 6 ori5 argenti e 2 bronzi. Un primo posto da record: nessuna squadra italiana ha mai portato a casa un medagliere di tali proporzioni. Ieri i protagonisti sono stati premiati a Palazzo Chigi dal presidente del Consiglio Mario Draghi insieme alla Nazionale di calcio e a Matteo Berrettini, primo tennista italiano a conquistare la finale di Wimbledon.

Chi sono le premiate

Alia Kaddari, classe 2001, nata a Cagliari e tesserata con le Fiamme Oro, se l’è aggiudicato nei 200 metri. La sprinter sarda ha tagliato il traguardo segnando sul cronometro 22.64 secondi, solo otto centesimi dal record italiano assoluto di Libania Grenot del 2016. Kaddari ha messo in fila tutte le rivali europee: la tedesca Junk e la francese Joseph hanno chiuso la corsa alle spalle dell’italiana di rispettivamente due e tre decimi.

Nadia Battocletti, 21 anni, trentina di Cles, un’altra “fiamma azzurra”, che trionfa nei 5mila metri chiudendo la corsa in 15’37″4, precedendo la slovena Klara Lukan, osso duro fino agli ultimi 250 metri. La vittoria di Battocletti mette la ciliegina sulla torta di una rassegna europea strepitosa per gli italiani, e che fa guardare con fiducia e sicurezza alle Olimpiadi di Tokyo in partenza il 23 luglio con la cerimonia inaugurale, e il 24 con le prime gare.

Gaia Sabbatini, 22 anni, abruzzese di Teramo e in forza alle Fiamme Azzurre, corre i 1500 metri e registra un tempo di 4’13″9. Dopo aver controllato con facilità i primi 1300 metri, l’italiana è riuscita a staccare l’avversaria spagnola Munoz negli ultimi 200. 

Le parole di Draghi

Lo sport segna in maniera indelebile la storia delle Nazioni – le parole di Draghi – la Coppa Davis del 1976, l’urlo di Tardelli, il record del mondo di Mennea, Schiavone e Pennetta che vincono al Roland Garros e agli Us Open, i Mondiali di Berlino: oggi siete voi a entrare nella storia, con i vostri sprint e le vostre imprese in campo”. E poi l’abbraccio finale: “Lo sport è un ascensore sociale e il governo ha deciso di investire molto nella pratica sportiva. Voi siete dei modelli, anche per merito delle vostre famiglie. Tutta Italia vi accompagna a Tokyo per la rincorsa olimpica”