Continua il momento d’oro del biathlon azzurro e di Dorothea Wierer. L’azzurra, impegnata Hochfilzen si aggiudica il primo posto anche nella gara di sprint e si conferma leader della classifica generale. Un testa a testa contro la rivale finlandese Kaisa Makarainen che ha chiuso con 6 decimi di ritardo sull’atleta italiana. Numeri da record per Dorothea Wierer che, con la vittoria di oggi,  raggiunge quota 24 podi in gare individuali e diventa la prima italiana a centrare il successo in tutte le specialità: inseguimento, Mass Start e sprint. Primato in gara e in classifica dove è sempre la Makarainen ad inseguire con l’azzurra al comando con 204 punti conquisati contro i 185 della sua inseguitrice. Il vantaggio accumulato fanno si che l’ultimo errore ai poligoni non incida sul risultato e proprio sui tiri la Wierer ha adottato una strategia rischiosa ma vincente fatta di rilasci molto rapidi: “Non so dirvi da dove derivi la sicurezza al poligono, l’errore lo ho commesso perché pensavo già al giro dopo sugli sci. Peccato. Ho dato il massimo poi sugli sci, mi sentivo bene e anche il pettorale giallo da leader mi trasmette tranquillità. Sono pronta per l’inseguimento“.

Sfiora il podio anche un’altra azzurra Lisa Vittozzi che chiude la sua gara al quarto posto. Un piazzamento che sa di beffa e che le fa mancare la medaglia di bronzo solo per 9 decimi. E il copione di Pokljuka si ripete: “Non mi arrabbio neanche più, ho avuto però sensazioni migliori rispetto alla gara in Slovenia. Adesso testa all’inseguimento e spero che la fortuna mi assista“. Per lei il 4 sembra non essere proprio il numero ideale ma è lo stesso che ricopre anche nella classifica generale dove si ferma a 164 punti. Tra le altre italiane in gara si registra il 19esimo posto di Federica Sanfilippo mentre più distaccate le altre due azzurre Alexia Runggaldier e Nicole Gontier.

 

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!