Rugby Vari

Black Dalia: “Noi tifose del rugby femminile soffriamo e gioiamo per la Nazionale. Siamo tantissime”

Nazionale femminile rugby
Fonte: FIR

Attorno al successo della Nazionale Italiana di Rugby femminile ci sono tante ragazze come loro. Ragazze spettatrici degli incontri in tv, in streaming e sui Social. Si può dire che il rugby femminile italiano stia crescendo una sua tipologia di ragazze sostenitrici che si identificano in chi gioca.
Ne abbiamo sentita una. Si fa chiamare Black Dalia, è una ragazza che non si perde una sola partita della nazionale femminile. Un amore per il rugby che rappresenta un legame intenso con i propri affetti più cari. Quelli di sangue. Ho trovato molto bello scoprire questo in una tifosa come Dalia, detta Black. E’ la testimonianza che questo gioco al femminile  è davvero entrato nella vita di tante ragazze italiane. Che non è solo quel che si vede in campo. Che per viverlo e giocarlo, non occorra per forza essere rugbiste!
Raccontaci di te e della tua passione per il rugby…
Si può dire ttto veramente in poche parole. C’è ansia speranza che si arrivi al risultato e durante la partita tanto buonumore perché il rugby va vissuto con amici che devono tifare con intensità.In un certo senso ci testiamo per le partite che vedremo allo stadio!! ( ahahaha ride ndr). Per le ragazze del rugby femminile ho molta ammirazione. Riuscire ad alti livelli come ora ed essere al quinto posto nel ranking mondiale dietro a grandi nomi riempie d’orgoglio. I sacrifici che fanno, la passione e l’amore sono stati premiati. Poi le vedi giocare e ti scoppia il cuore d’orgoglio perché ci regalano prestazioni da sogno”.
In effetti in questo momento per le donne il rugby in Italia sembra un sogno!
Si,  è vero un meraviglioso sogno in cui ti identifichi e ne rimani stregato. Poi, ci ragioni, dopo ogni attesa di partita e al termine di un incontro visto in tv. Ti rendi conto che non stai sognando e che sta succedendo, vincono e stravincono. E ti viene voglia di stare li fisicamente abbracciarle e gridare a tutte loro BRAVE, SIETE MITICHE!!! E te lo confesso. Mi piace di più essere una donna in questi momenti. Nonostante le note dolenti di questi ultimi anni l’italrugby la si ama sempre. Ovvio che ogni volta che c’è il Sei nazioni o il mondiale ti metti davanti alla TV piena di speranza in un assalto da leoni (perché sono leoni su questo non ho dubbi)“.                                                                                                                             
Hai mai giocato Dalia? A  proposito il tuo nome?
No mai. E’un mio cruccio ma è allo stesso tempo la motivazione e il mio sogno per seguirlo in tutto questo nostro rugby. In effetti potrei cercarmi una squadra Old e buttarmi nella mischia! Mi chiamo Monica“.
Black è il nome da battaglia quindi?
Si… Rispecchia il mio carattere in effetti, non nel senso di nero buio ma bello tosto. Lo identifico col rugby e con il mio sogno mai realizzato di giocarlo. Mi far star bene, il rugby mi far star bene! E che sia chiaro. È amore incondizionato“.
Ma quando ti sei innamorata del rugby, perché questo amore è così forte  pur non essendo stata mai una giocatrice?
L’amore per il rugby credo sia scoppiato già da bambina. Un papà che ti porta con sé a vedere le partite e che ti fa saltare in aria abbraccia e urla ad ogni meta. E tu cresci con questo appuntamento col papà che ti coinvolge! Ti entra dentro nel DNA. Poi capita come sempre nella vita purtroppo che il tempo passi, che i giochi cambino. Ti accorgi di non essere più bambina di colpo. Che tuo papà vada via per sempre. Ora da adulta però continuo anche se lui non c’è più. In fondo per me è un modo insieme a tanti altri di averlo vicino e sentirlo quando mi spiegava le regole del gioco. Per il rugby il mio amore non potrebbe mai scemare ma solo aumentare!”.
Grazie Dalia, sei state gentilissima e simpaticissima. Quello delle tifose e dei gruppi tv è un bello spunto. Il movimento sta crescendo e anche noi che scriviamo e voi che avete passione siamo parte di queste imprese.  Ma a  proposito..Per le foto scegli tu?
“No, No ( ride di cuore ) fate voi… quelle meno sexy  ovviamente! ( ride ancora ) Te l’ho detto sono una spontanea, una Mediterranea senza speranza”.

Informazioni sull'autore

Pancrazio Auteri

Pancrazio Auteri

Blogger, storyteller e illustratore. Founder di Rugbylja edutainment studio.
Sono nato a Taormina, sulla costa orientale della Sicilia. Università a Bologna, Dams arte.
Specializzazione a Milano in Rp e comunicazione all'Isforp. Poi a Novara in Alessi Design, a Roma con la rivista Ciao 2001, e ancora in Sicilia nell'editoria e grafica per il Terzo Settore, e formazione in Creativity per la scuola e l'università.
Movimento, cambiamento, contaminazione: sono state queste esperienze, insieme alle telecronache di Paolo Rosi, a farmi perdere nel rugby e nell'amore disperato per la nostra Nazionale.
In questi anni mi sono occupato di club come dirigente e community manager, ho svolto vari mandati come consigliere regionale Fir per la Sicilia - nel sociale e nel mini rugby - e come consulente per amministrazioni e aziende private sui progetti di divulgazione del rugby, ambito nel quale, dal 2015 opero con il patrocinio della federazione Italiana Rugby.
Raccontarlo in maniera non tecnica ma con il focus rivolto alla quotidianità delle persone, al riflesso che c'è della nostra società c'è nel rugby.
E nel rugby le donne, con l'idea che attraverso il rugby femmnile si possano condividere molte esperienze utili e importanti anche in ambiti che non conoscono o praticano il mondo del rugby.
Perchè le donne, con il loro personalissimo modo di vivere lo sport in Italia oggi, sono davvero le Webb Ellis del nostro paese, capaci di smontare e rimontare regole, abitudini, modi di pensare convenzionali.
Chi, dove, quando, come e perchè?
Beh, sono a Sportdonna per questo! :)

Commenta

Clicca qui per commentare