Vari

Bolzano, atleta norvegese uccisa da un fulmine durante la Suedtirol Ultra Skyrace

Un'immagine di una passata edizione. Foto: Wisthaler

Un’atleta norvegese di 45 anni, Silje Fismen, è stata uccisa da un fulmine durante la Suedtirol Ultra Skyrace, una gara di corsa in montagna di 121 chilometri con partenza e arrivo a Bolzano. L’incidente si è verificato nei pressi del lago di San Pankrazio, sopra Campolasta, in val Sarentino. Sul posto sono intervenuti il soccorso alpino e l’elisoccorso Pelikan 1. Inutile la corsa in ospedale a Bolzano, dove la donna è deceduta. Quando si è verificato l’incidente, la Suedtirol Ultra Skyrace era interrotta da mezzora, proprio a causa delle avverse condizioni meteorologiche ma il gruppo di atleti, del quale la norvegese faceva parte, si trovava in una zona isolata e non era stata ancora informata dello stop. Il fulmine ha colpito la donna e un uomo, che però si è subito rialzato senza grosse conseguenze. Nella zona dell’incidente non prendevano però i cellulari e alcuni membri del gruppo sono corsi per circa mezzora prima di trovare segnale e poter lanciare l’allarme.
La gara di corsa estrema (121 chilometri con 7554 metri di dislivello), considerata una delle corse in montagna più impegnative sulle Alpi, era partita venerdì sera in piazza Walther a Bolzano. Al via oltre 850 i corridori, da 27 nazioni – pronti ad affrontare la corsa lungo l’alta via “Hufeisentour”  il giro di ‘ferro di cavallo’ nelle Alpi Sarentine.
Siamo sconvolti dall’accaduto – ha dichiarato Josef Günther Mair, direttore del comitato organizzatore della Südtirol Ultra Skyrace – Ai famigliari della vittima esprimiamo le nostre più sentite condoglianze“.
Le premiazioni, in programma sono state annullate.