Fuori dalla Women’s Champions League prima di quanto si era messo in conto e soprattutto con 6 pesantissimi punti di distanza della Fiorentina Women’s prima in classifica. Al Brescia, dopo il Triplete dello scorso anno, era lecito chiedere qualcosa in più ma nella macchina perfetta di mister Milena Bertolini qualcosa sembra essersi inceppato. La prova del 9 è stata la gara contro l’AGSM Verona, il secondo big match, dopo quello contro la Fiorentina, che la squadra biancoblu ha lasciato alle avversarie.

In realtà nel primo tempo di Verona la squadra, disposta col nuovo 4-4-2 con Girelli e Sabatino in tandem d’attacco, non aveva fatto male ma ha pagato qualche distrazione di troppo a livello difensivo. Sul banco degli imputati però va messo anche il reparto d’attacco che nel derby del Garda è riuscito davvero a sbagliare di tutto. Numeri alla mano è lì che il Brescia potrebbe fare di più, visto anche il pontenziale offensivo a disposizione.

Fin qui la bomber della squadra è Cristiana Girelli, che è stata impiegata come trequartista e come seconda punta nel nuovo schema utilizzato da Bertolini, ma i suoi gol sono solo 6. Troppo pochi se confrontati ai numeri dell’attaccante principe della Fiorentina, ovvero Ilaria Mauro che è a quota 11. Va ancora peggio se si pensa a Daniela Sabatino che fin qui ha segnato solo 4 reti e Stefania Tarenzi, a quota 2 ma, va detto, come attaccante di scorta. I conti non tornano perché la Fiorentina può coccolarsi anche le reti della trequartista Tatiana Bonetti, a quota 8, per un totale di 19 reti in due.

Proviamo a considerare la Fiorentina su un altro pianeta e guardiamo allora in casa Mozzanica e AGSM Verona con le coppie Giaciniti-Pirone e Piemonte Gabbiadini. Mentre a Brescia Girelli-Sabatino si fermano a quota 10 gol in due, a Mozzanica si viaggia sui 16 e va un po’ meglio anche in casa Verona con 12 reti. Il problema della caduta bresciana forse sta anche lì, dove mancano le reti di rapina e servirebbe un apporto (a volte anche un po’ di fortuna) maggiore.

Attenzione anche alla situazione di Milena Bertolini. Secondo quanto riporta calciobresciano.it, la sconfitta veronese avrebbe aperto dei dubbi in casa Brescia con i rapporti tra il tecnico e il presidente Cesari ai minimi storici. Visto il derby di sabato contro il Mozzanica ci sentiamo di escludere un cambio di panchina, ma dopo Bergamo i nervi potrebbero non essere così tanto saldi…

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!