Calcio

Calcio Femminile / Ammenda (simbolica) alla Fiorentina ma nessun accenno al “caso Girelli”

46520149_1692998027472260_537816861367074816_n
Foto: Facebook Fiorentina Women's Fc

C’era attesa per la decisione del Giudice Sportivo in merito a quanto accaduto nell’ultimo turno del campionato di Serie A di calcio femminile. Durante la gara tra Fiorentina e Juventus alcuni tifosi viola avevano infatti preso di mira piuttosto pesantemente Cristiana Girelli suscitando la giusta reazione della ragazza che, con un post su Instagram, aveva risposto piuttosto duramente ai suoi denigratori. Ma, a sorpresa, nel comunicato ufficiale pubblicato dalla Figc non compare il nome della giocatrice ma solo quello della compagna di squadra Bonansea.
La Fiorentina Women’s , si legge, dovrà pagare un’ammenda di 500 euro “per avere propri sostenitori in diversi momenti della gara nel primo e nel secondo tempo e in particolare in occasione della prima segnatura Juventus; di falli commessi dalle calciatrici della società Juventus sanzionati dall’arbitro, e della sostituzione della calciatrice Bonansea (Juventus), proferito espressioni gravemente ingiuriose e insultanti nei confronti dei detti episodi” e “nel corso del primo tempo, in occasione di decisioni arbitrali avverse, i medesimi tifosi della squadra ospitante hanno rivolto espressioni gravemente ingiuriose e insultanti nei confronti dell’arbitro (referto e supplemento arbitrale)”.
Una sanzione simbolica quella comminata al club viola che aveva subito preso le distanza da quanto accaduto allo stadio. Episodio, molto probabilmente, figlio dell’eterna rivalità che esiste da sempre tra le tifoserie dei due club nel calcio maschile.