Il Chelsea è la squadra vincitrice della campionato inglese di calcio femminile. La decisione era stata presa dalla Football Association il 25 maggio, ora però è stata definita la classifica finale sulla base della media punti. La cosa potrebbe suscitare qualche polemica: al momento dell’interruzione del campionato per la pandemia di coronavirus, a marzo, le Blues erano infatti secondo a un punto dalla capolista Manchester City, ma con una gara in meno.
Fatti i conti quindi le londinesi del Chelsea hanno superato le colleghe di Manchester che erano a 40 punti, ma 16 partite contro i 39 in 15.
Per lo stesso criterio il Liverpool è retrocesso in A2 (il club in una nota si è detto “deluso” per questa decisione) mentre è stato promosso in A1 l’Aston Villa. Delusione enorme per per ragazze dell’Arsenal che erano terze in piena corsa per la vittoria e che sono state escluse anche dalla Champions League.
Il campionato di calcio inglese femminile era stato fermato per via dei costi eccessivi che avrebbe comportato l’acquisto dei kit sanitari necessari per una ripresa in sicurezza della Women’s Super League. Un po’ il problema che c’è in Italia ma con la differenza che da noi si continua a rinviare ogni decisione.
Ieri Alessandra Signorile, presidente Pink Bari, è stata molto chiara ai microfoni di Sportdonna.it: “La serie A non deve ripartire”.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!