Debutto all’estero amaro per la squadra di calcio femminile del Vaticano che ieri avrebbe dovuto giocare un’amichevole a Vienna con le calciatrici della FC Mariahilf.

Durante l’inno vaticano dagli spalti sono partiti subito fischi e urla mentre venivano srotolati striscioni con scritte come «No all’omofobia». Alcune ragazze del team avversario hanno poi tirato su le loro t-shirt per mostrare un disegno delle ovaie sulla pancia e sulla schiena la scritta «My rule, my body». to – poco prima avevano recitato insieme una preghiera comune – le calciatrici della squadra di calcio femminile del Vaticano, in gran parte dipendenti dei vari uffici, si sono ritirate in ordine e senza dire niente. Nel giro di pochi minuti hanno fatto le valigie per tornarsene a Roma.

Per saperne di più sulla squadra del Vaticano clicca qui