Vari

“Corri per Michela”: a Firenze un fiume rosa. Tutte le foto

Corri per Michela

Quasi 400 persone hanno preso parte ieri a “Corri per Michela” la corsa non competitiva organizzata per la seconda volta a Firenze in ricordo di Michela Noli,  la ragazza che a soli 31 anni venne uccisa con 47 coltellate dal marito Mattia Di Teodoro, che poi si è suicidato.
Tutto il quartiere si è mobilitato per questo evento organizzato proprio con l’intenzione di ricordare la ragazza e al tempo stesso di alzare la voce contro la violenza sulle donne. La partenza è stata in via Torcicoda, proprio nei pressi dei giardini dedicati alla giovane.
I proventi di “Corri per Michela” saranno interamente devoluti a Artemisia Centro Antiviolenza, un Centro Antiviolenza Fiorentino che offre assistenza gratuita a donne, bambine e bambini che hanno subito violenza.  Il centro riceve ben 1300 richieste di aiuto ogni anno.
Primo uomo classificato Menichini della Toscana Aeroporti, prima donna Barbara Terchi della società Isolotto. Al termine della mattinata anche l’esibizione della Filarmonica Rossini e della scuola di Wushu di Firenze.
E stato bellissimo vedere tante maglie rosa muoversi insieme, davvero  un grande successo – sono le parole di Catia Ballotti, una delle organizzatrici –  siamo contenti di questa seconda edizione che, come qualità, è cresciuta di livello. Un ringraziamento ai miei compagni di squadra e ai confluirei del Gruppo Sportivo Le Torri che hanno seguito la parte logistica e presidiato gli incroci. Sono contenta di aver conosciuto i genitori di Michela, che nel dolore stanno proseguendo la loro lotta affinché a nessuna altra donna accada quello che è successo alla loro figlia. Due persone splendide davvero“.
E proprio Paola Alberti Noli, la mamma di Michela Noli,  nei giorni scorsi ha presentato il suo libro con un obiettivo ben preciso. “Per mia figlia non posso fare più niente, ma per tutte le altre sì”.