Scherma

Fioretto / Grand Prix Inalpi: podio tutto azzurro con Volpi, Di Francisca e Palumbo

Photo: Augusto Bizzi

Podio dipinto d’azzurro al Pala Alpitour di Torino. Le ragazze della nazionale italiana di Fioretto trionfano al Grand Prix FIE trofeo “Inalpi” si è conclusa con la tripletta italiana grazie ad Alice Volpi, Elisa Di Francisca e Francesca Palumbo, cui si aggiunge il terzo posto di Alessio Foconi nella gara di fioretto maschile.
Sul gradino più alto del podio femminile sale Volpi che bissa il successo torinese del 2015. In finale la campionessa del Mondo in carica si aggiudica il derby azzurro contro Elisa Di Francisca, col punteggio di 15-9. L’olimpionica di Londra2012 ed argento a Rio2016, a sua volta, aveva “dirottato” sul terzo gradino del podio Francesca Palumbo, al suo secondo podio in carriera, superandola per 15-7.

#Torino GP FIE FIORETTO FEMMINILE*** TRIONFO AZZURRO A TORINO *** 🥇ALICE VOLPI🥈ELISA DI FRANCISCA🥉FRANCESCA PALUMBO💪🏻❤️🇮🇹👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻 #scherma

Gepostet von Federazione Italiana Scherma am Sonntag, 10. Februar 2019

 

Informazioni sull'autore

Matteo Angeli

Matteo Angeli

Direttore responsabile

Il fatto di aver avuto un papà bravo giornalista ha indubbiamente segnato la mia vita. Ma di sicuro lui non ha influito minimamente quel giorno che, appena diciottennne, rimasi folgorato da un tremendo fatto di cronaca. Chiesi ad un cronista di portami con se e fu in quel momento, mentre osservavo la scena, che sentii nascere qualcosa dentro: da grande anch'io avrei fatto il giornalista. Neppure il tempo di pensare che mi trovai in prova a Radio Babboleo, l'emittente più importante della mia terra, la Liguria. Quindi l'assunzione, poi le prime esperienze in tv, sui giornali locali, fino ad approdare al "mitico" Corriere Mercantile. Cronaca nera, politica, spettacoli e poi sport, tanto sport. Poi tante altre esperienze, di ogni tipo, in ogni campo. Oggi dopo quasi trent'anni il giornalismo è cambiato, e non poco. Io, a parte qualche ruga e qualche capello bianco, sono invece rimasto lo stesso. Pronto all'ennesima sfida.

Commenta

Clicca qui per commentare