Gloria Peritore, attuale campionessa mondiale dei pesi mosca dell’ISKA per la categorie Kickboxing e Oriental Rules, è tornata sul ring e lo ha fatto alla grande. A Milano l’atleta siciliana ha avuto la meglio sulla svizzera Sonia Dinh.
“Mi sono divertita dall’inizio alla fine – commenta – è stata una bella guerra. Sonia Dinh e io ci siamo battute con il sorriso e credo che questa sia una cosa per pochi. Grazie. Non ringrazierò mai abbastanza i miei coach Manuele e Milo e Raini Clan, che mi stanno rendendo l’atleta che ho sempre sognato di essere. E i miei compagni di battaglia, Roberto Oliva, Gian Marco Aireti e Matteo Taccini, siete ispirazione per me. E soprattutto grazie alla mia famiglia sempre presente e A TUTTI VOI che mi seguite e mi sostenete in ogni minuto della mia vita.
Gloria è una campionessa dentro ma anche fuori dal ring. Si è infatti sempre battuta contro la violenza sulle donne, un tema che le è sempre stato molto caro. “Sono felice – conclude la campionessa licatese -. I pantaloncini con cui ho combattuto verranno messi all’asta per sostenere l’ associazione contro la violenza: The Shadow Project”.
Insieme a due amiche, la lottatrice professionista di Mixed Martial Arts Sonia Fracassi, e atleta di sport da combattimento Giada Scoccimarro, Gloria sta portando avanti anche un bellissimo progetto: The Shadow Project. “Vuole essere una sorta di ‘rete di amiche’, un mezzo che possa semplificare il percorso per uscire da determinate situazioni difficili. Perché a volte, basta poco per rendersi conto di non essere soli e che è possibile uscire dalla violenza, fisica o psicologica che sia. Lo sport, ha il potere di migliorare l’autostima, rafforzare il carattere e rendere le persone maggiormente in grado di reagire agli eventuali abusi e violenze, sia fisici che mentali”.
Gloria Peritore, che da bambina giocava a pallamano nella sua Licata, è diventata la prima donna italiana a conquistare il Bellator e a disputare il primo Titolo Mondiale di Bellator nella categoria Flyweight (56.6 kg). Inoltre è riuscita a vincere l’Oktagon per ben tre anni consecutivi (2015-2016-2017) aggiudicandosi il primato italiano femminile.
Gloria ha lavorato nel marketing e nell’area commerciale di diverse aziende sportive e di moda. “Poi dopo dieci anni di esperienza in questo campo, ho deciso di lasciare il mio lavoro in azienda per dedicarmi al 100 % alla mia attività di atleta nel campo dello sport”. Oggi fa anche la consulente per il marketing sportivo e mental coaching, per organizzazioni o singoli sportivi. Quando si dice una campionessa a tutto tondo.