Ciclismo Due ruote

Il Tour de France polemico di dieci donne: “Discriminate dalla tv e dagli sponsor. Meritiamo di più”

Hanno affrontato l’intero percorso del Tour De France insieme «per evidenziare le disuguaglianze che esistono ad ogni livello all’interno dello sport che abbiamo rapidamente imparato ad amare». Fanno parte del team InternationElles nato proprio con lo scopo di portare l’attenzione sulle diseguaglianze che ancora ci sono.
«Il ciclismo al femminile è molto indietro rispetto agli sport come il tennis e il calcio in termini di parità in TV e copertura mediatica, sponsorizzazioni e premi in denaro per citarne alcuni – spiega una di loro, Helen Bridgman – Le donne non sono autorizzate a partecipare all’evento principale, ma non esiste una gara a tappe equivalente di alto profilo per donne“.
Sabato  scorso le dieci cicliste hanno reso omaggio a una delle gare più importanti per convincere gli organizzatori del Tour de France, l’Amaury Sport Organization (ASO) che possono farcela esattamente come i colleghi uomini.
«Il Tour de France domina i media ogni anno, con copertura in diretta e rapporti sulle gare trasmessi in tutto il mondo durante l’evento. Eppure non esiste una gara a tappe che si avvicini a quel tipo di attenzione nel calendario ciclistico femminile professionistico, né una gara che offre quasi lo stesso premio in denaro. È deludente. Come possiamo aspettarci che il ciclismo femminile fiorisca se non gli viene data la stessa opportunità?. Le donne meritano l’uguaglianza nella copertura della gara e nel premio in denaro. Noi siamo le internationelles e abbiamo completato il percorso completo del Tour de France 2019».