Anche il calcio femminile è fermo per via del propagarsi del coronavirus. Impossibile stabilire al momento la data dell’eventuale ripartenza. Ne è perfettamente consapevole il portiere del Milna Maria Korenciova.
Abbiamo ricevuto piani di allenamento da un istruttore di fitness e dovremmo seguirli – spiega a  Sport.aktuality.sk – Tuttavia, non dovremmo incontrarci in gruppo. È un po’ difficile, dal momento che vivo in un condominio di quattro piani dove si trova circa la metà della nostra squadra. Il periodo di incubazione del coronavirus è scaduto, ora siamo tutte più serene. Per fortuna non abbiamo avuto ancora nessun caso di coronavirus nel club. In Italia le norme sono molto rigideNegozi chiusi, scuole e uffici sono all’ordine del giorno. È necessario rispettare uno stretto isolamento, anche se le persone possono uscire, ma solo in condizioni rigorose. Non puoi camminare in gruppo. È necessario mantenere una distanza di un metro dalle altre persone. Nei supermercati la stessa identica cosa. Le regole, però, sono necessarie. Uscire si può ma solo in tre casi con la certificazione a portata di mano. Non capisco perché in altri Paesi la gente continui a fare tutto come niente fosse, incredibile“.
Poi il punto sul campionato. “Siamo seconde in coppia con la Fiorentina. Ci giochiamo la Champions League con loro. La Juventus, dovesse riprendere il campionato, vincerà comunque il titolo. È avanti di molti punti. Però, penso che vista la situazione difficilmente il campionato di Serie A femminile riprenderà“.

 

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!