Tornare bambini almeno per il tempo di una corsa”: è questo l’obiettivo di Elena Acquadro, che in casa ad aspettarla di bambini ne ha 3. Reduce dai Campionati Europei 2018 e dai Campionati Mondiali di Londra 2018, nei quali ha rappresentato l’Italia con la Nazionale, Elena nell’ultimo anno ha vinto il Campionato Interregionale FIOCR Piemonte-Lombardia e la Coppa Italia: “Non male per una donna, moglie, mamma della mia età” scherza.
Elena ha 37 anni e lavora come interprete di lingua dei segni. Ha sempre praticato sport a livello agonistico, ma la prima competizione OCR risale a due anni fa: “Io e mio marito – Luca Pellerei, atleta della Nazionale Italiana OCR – eravamo in cerca di qualcosa che ci permettesse di trascorrere del tempo insieme, un’attività sportiva all’aria aperta e divertente, che ci desse anche la possibilità di scaricare corpo e mente dallo stress quotidiano. Con il lavoro, la casa e l’arrivo dei figli avevamo amo dovuto accantonare la nostra passione per lo sport, fino a quando abbiamo scoperto il mondo delle OCR: sono diventate la nostra #passionecomune!”.
Si può dire che per Elena Acquadro le OCR siano state una sorta di ritorno al passato: “Grazie a queste competizioni e alla preparazione che richiedono io e mio marito rispolverato le nostre ‘vecchie’ doti sportive, abbiamo lavorato per migliorare i nostri punti deboli, ci siamo rimessi in gioco come singoli, ma soprattutto come coppia, a 360°”.
I primi tifosi di mamma Elena e papà Luca sono i loro tre figli: “Credo che vedere i propri genitori correre, arrampicarsi, gettarsi nel ghiaccio, rotolare nel fango seriamente, ma divertendosi come farebbero dei bambini, dia loro la possibilità di viversi e vivere la relazione con noi in modo più leggero e spensierato”.
Il consiglio che Elena dà a tutti “è quello di provare, buttarsi nella mischia e tornare bambini almeno per il tempo di una corsa. Poi, magari, se prenderete la cosa più seriamente, avrete la possibilità di togliervi qualche soddisfazione”.