Nella Nazionale Italiana di Pallavolo Femminile che ci ha fatti sognare negli ultimi Mondiali ha brillato soprattutto la stella di Paola Ogechi Egonu. Cerchiamo di capire nel dettaglio chi è, dove vive e cosa sogna.
Nata a Cittadella il 18 dicembre 1998 è cresciuta a Galilea Veneta da genitori  nigeriani. Nonostante la sua famiglia adesso abiti in Inghilterra, Paola ha deciso di restare in Italia, dove si è anche diplomata in ragioneria. Come più volte ha detto, è una “convinta afroitaliana perché un’appartenenza non esclude l’altra”. È sempre comunque legata alle sue origini africane e ogni due anni va in Nigeria a far visita ai nonni.
E’ alta 193 cm per 80 kg di peso e taglia 46 di scarpe, milita nel Novara, considera il corpo un dono di Dio, motivo per cui non porterà mai nessun tatuaggio, concedendosi solo il piercing al naso come unica piccola trasgressione. Paola viene da una famiglia numerosa e divisa tra la Nigeria e il mondo: 13 zii, tantissimi cugini e il nonno, il capo famiglia, che non ha mai gradito “l’abbigliamento pallavolistico”. Troppo corti quei pantaloncini.
GLI INIZI – Ha iniziato a giocare a pallavolo all’età di 12 anni, mostrando subito il suo grande talento. Ed infatti nel 2013 è entrata a far parte del Club Italia. Ha esordito in B1, dove ha giocato per quattro stagioni, per poi appdrodare in A1.
La sua altezza è stratosferica, e le sue schiacciate sono fatte a 344 cm da terra e arrivano a 100 Km/h. Il suo ruolo è quello di opposto, ma è in grado di ricoprire anche quello di schiacciatrice. Nella stagione 2016-17 ha stabilito il record assoluto di sempre in A1 realizzando 46 punti in una sola partita.
Dal 2017 gioca nell’Agil Novara e nel frattempo si è anche diplomata in ragioneria a Milano, con il progetto di laurearsi in Giurisprudenza.
IL FUTURO – Il suo profilo Instagram vanta oltre 60 mila follower. Cosa sogna da grande? Diventare avvocato e il motivo principale è la presenza di troppe ingiustizie nel mondo. Ha una forza -di volontà incredibile, siamo sicuri che riuscirà anche in questo.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!