Un bell’esordio sulla distanza della Maratona: Sara Brogiato ha chiuso al terzo posto nella “sua” Torino in 2h38’58”. La campionessa italiana di mezza maratona è stata autrice di una gara coraggiosa. Subito in testa con le favorite, l’etiope Denbeli Chefo e la keniana Caroline Cherono. A metà gara il terzetto è passato in 1h17’38”, in una giornata senza pioggia ma con i concorrenti a fare i conti con l’asfalto reso viscido per le precipitazioni dei giorni precedenti: “Fino al trentesimo chilometro – dice Sara- è andato tutto bene. Poi ho avvertito  la stanchezza e le gambe non giravano al meglio”. Ci sono ancora dodici chilometri, ma la mezzofondista dell’Aeronautica Militare non molla: “Non potevo certo andare in crisi. Si trattava della mia prima maratona. Sapevo che l’occasione sarebbe stata speciale, ma mai in una maniera così intensa!”.
C’è tanta gente che la incita al passaggio nelle zone centrali della sua città. Vince l’etiope Denbeli Chefo in 2h35’53” davanti alla keniana Caroline Cherono, 2h36’59”. Alla prima esperienza internazionale la Brogiato, classe 1990, sale sul podio al terzo posto con 2h38’58”. Sara fino a qualche tempo fa si piazzava molto bene nei cross nazionali: poi la decisione di specializzarsi on the road con la mezza maratona. Domenica la grandissima emozione della prima volta sui fatidici 42,195 chilometri. “Correre la maratona è bellissimo. Forse, con un po’ di fortuna, avrei potuto finire in 2h35’, ma sono felice. Devo ringraziare coach Gianni Crepaldi , il pacer Said Boudalia, un vero motivatore,  la mia compagna di allenamenti Catherine Bertone (primatista mondiale della categoria F45-ndr), tutti quelli che mi hanno incitato. Un sogno, poi, finire la maratona nella mia città”. E poi si dice “nemo propheta in patria”…. Al di là delle battute , la maratona azzurra ha scoperto un talento. E ce n’è grande bisogno.

sara Brogiato

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!