Sci / Snowboard

Sci / Coppa del Mondo: trionfa Petra Vlhova, Brignone sesta

Sci/Coppa del Mondo: squadra azzurra a Solden, nel weekend il debutto
Federica Brignone Photo by Marco Trovati Pentaphoto/
Federica Brignone si deve accontentare del sesto posto a Semmerin nella gara di gigante femminile di Coppa del Mondo.  In difficoltà nella parte alta come era successo nella prima manche, la valdostana ha recuperato nella seconda senza riuscire però a superare Viktoria Rebensburg.  L’azzurra ha disputato due buone manche, ma non è riuscita a incidere e si è dovuta accontentare di mantenere il pettorale rosso di leader della classifica di specialità.
La vittoria è andata a Petra Vlhova. La slovacca, al primo trionfo in carriera nella specialità, ha battuto la tedesca Viktoria Rebensburg, seconda con 45/100 di distacco, e la francese Tessa Worley, terza a 60/100. Per una volta Mikaela Shiffrin esce sconfitta: in testa dopo la prima manche, alla fine è quinta a 66/100.
Se Federica non può essere completamente soddisfatta, sorride di certo l’altra azzurra Marta Bassino, che rimonta sette posizioni nella seconda manche e per la prima volta nella stagione finisce nella top ten, con un bel decimo posto davanti ad atlete di grande livello come Wendy Holdener e Frida Hansdotter. Fa un passo avanti rispetto a Courchevel Irene Curtoni, che chiude sedicesima, ancora a punti Francesca Marsaglia.

Informazioni sull'autore

Matteo Angeli

Matteo Angeli

Direttore responsabile

Il fatto di aver avuto un papà bravo giornalista ha indubbiamente segnato la mia vita. Ma di sicuro lui non ha influito minimamente quel giorno che, appena diciottennne, rimasi folgorato da un tremendo fatto di cronaca. Chiesi ad un cronista di portami con se e fu in quel momento, mentre osservavo la scena, che sentii nascere qualcosa dentro: da grande anch'io avrei fatto il giornalista. Neppure il tempo di pensare che mi trovai in prova a Radio Babboleo, l'emittente più importante della mia terra, la Liguria. Quindi l'assunzione, poi le prime esperienze in tv, sui giornali locali, fino ad approdare al "mitico" Corriere Mercantile. Cronaca nera, politica, spettacoli e poi sport, tanto sport. Poi tante altre esperienze, di ogni tipo, in ogni campo. Oggi dopo quasi trent'anni il giornalismo è cambiato, e non poco. Io, a parte qualche ruga e qualche capello bianco, sono invece rimasto lo stesso. Pronto all'ennesima sfida.

Commenta

Clicca qui per commentare