La sciatrice Anna Veith ha annunciato ufficialmente il ritiro. Lo sci perde così una delle migliori atlete del nuovo millennio. La sua bacheca è straordinariamente ricca.
Negli ultimi quattro anni e mezzo ha dovuto confrontarsi con due gravi lesioni al ginocchio, che l’anno ovviamente penalizzata non poco. Con il suo nome da nubile Fenninger, ha vinto due volte la Coppa del Mondo generale (2014 e 2015), è diventata campionessa olimpica del Super G nel 2014 a Sochi e ha vinto tre titoli Mondiali (uno a Garmisch nel 2011 e due a Vail/Beaver Creek nel 2015).
Una carriera ad alti livelli ma troppo corta per il talento austriaco che lascia a soli 30 anni.
“Mi mancherà tutto di questo mondo, ma lascio l’agonismo consapevole di aver dato tutto e averci sempre provato anche dopo gli infortuni” le prime parole di Anna Veith durante la conferenza stampa – Le ragioni del ritiro sono molteplici, lo sci è stato al primo posto per tanti anni e posso dire di non aver mai amato nulla quanto questo sport. Ora sono cambiate le priorità e penso fosse giusto fermarsi, anche perchè lo scorso inverno ho fatto tutto il possibile per trovare fiducia e risultati, ma non sono riuscita ad arrivare dove avrei voluto. Non so cosa succederà, ma di certo non vedo l’ora di farlo e… no, non sono ancora incinta…”.
Come detto la sua carriera è stata costellata da troppi infortuni. Nel 2015 cadde in allenamento a pochi giorni dal gigante di Sölden. Le conseguenze furono un grave infortunio al ginocchio destro. Di ritorno alle gare nel dicembre del 2016, l’austriaca si infortunò altre due volte alle ginocchia, nel febbraio del 2017 e nel gennaio del 2019.
Lo sci mondiale perde una stella. Lei avrebbe voluto continuare ma si è resa conta per prima che il fisico non rispondeva più a dovere. Giusto fermarsi.

 

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!