Vari

Bocce / La Borgonese fa asso piglia tutto in terra veneta

IMG_20190120_201314_763

Campionato di Serie A di bocce femminile. La Borgonese fa asso piglia tutto in terra veneta. È stato un week end proficuo per le ragazze della Borgonese (alcune liguri sebbene d’adozione in terra valsusina).
Quattro punti su 4 sono stati infatti conquistati nella doppia trasferta veneta, il sabato a Conegliano (TV) e la domenica a Pramaggiore (VE).
Buone le prestazioni di tutte: successo nella coppia e nel tiro di precisione da parte di Chiara Mellano così come per Francesca Carlini. Conquista la vittoria anche Josella Lombardi, ex ct della nazionale italiana femminile, in coppia con Micol Perotto, ma vince anche Marika De Petris dell’individuale e in staffetta con Leyla Ziliotto: quest’ultima vittoriosa sia in entrambi i tiri progressivi e nella staffetta, ottiene il pareggio nella prova individuale, obiettivo che si rivelerà cruciale per il risultato finale della seconda giornata.
Risultato finale prima giornata: Saranese VS Borgonese 7 a 17.
Seconda giornata:
Pramaggiore VS Borgonese 11 a 13.
Le valsusine recuperano così una posizione in classifica ai danni del Pramaggiore: determinante sarà la sfida contro il Centallo per la contesa del 4 posto in vista domenica 27 gennaio.

RISULTATI
Saranese – Centallese 16-8;  Pramaggiore – Borgonese 11-13;  Buttrio – Auxilium 24-0 (incontro vinto a tavolino in quanto l’Auxilium non si è presentata per assenza di troppe atlete causa influenza)

CLASSIFICA:
Saranese 14  –  Buttrio, Forti Sani 12  –  Centallese 9  –  Borgonese 8  –  Pramaggiore 7  –  Bassa Valle 4  –  Auxilium 0

Informazioni sull'autore

Matteo Angeli

Matteo Angeli

Direttore responsabile

Il fatto di aver avuto un papà bravo giornalista ha indubbiamente segnato la mia vita. Ma di sicuro lui non ha influito minimamente quel giorno che, appena diciottennne, rimasi folgorato da un tremendo fatto di cronaca. Chiesi ad un cronista di portami con se e fu in quel momento, mentre osservavo la scena, che sentii nascere qualcosa dentro: da grande anch'io avrei fatto il giornalista. Neppure il tempo di pensare che mi trovai in prova a Radio Babboleo, l'emittente più importante della mia terra, la Liguria. Quindi l'assunzione, poi le prime esperienze in tv, sui giornali locali, fino ad approdare al "mitico" Corriere Mercantile. Cronaca nera, politica, spettacoli e poi sport, tanto sport. Poi tante altre esperienze, di ogni tipo, in ogni campo. Oggi dopo quasi trent'anni il giornalismo è cambiato, e non poco. Io, a parte qualche ruga e qualche capello bianco, sono invece rimasto lo stesso. Pronto all'ennesima sfida.

Commenta

Clicca qui per commentare