Raffaella Manieri arriva al Brescia e porta tutta la sua esperienza alle Leonesse che nella scorsa stagione hanno vinto tutto a livello Nazionale. Il difensore, ai microfoni del club, parla dei primi giorni di ritiro e dei suoi obiettivi.

ECCO TUTTE LE PAROLE DI RAFFAELLA MANIERI

Sulla preparazione e la scelta del Brescia: “Mi sono trovata subito a mio agio, le metodologie d’allenamento sono quasi le stesse. Sicuramente ho sofferto il caldo ma c’è un bel gruppo e si sta lavorando bene. Perché Brescia? Penso sia la squadra che più si avvicina ad un club europeo, l’ho vista crescere negli anni e sono rimasta impressionata dalla crescita delle ragazze, il modo in cui giocano e si approcciano agli allenamenti le avvicina molto al professionismo”.

Sulla sua esperienza con la maglia del Bayern: “I momenti più belli sono l’esordio contro il Wolfsburg e la vittoria del primo scudetto che era voluto ma inaspettato visto che giocavamo per andare in Women’s Champions e all’ultimo siamo andate in testa alla classifica. La squadra non lo vinceva da 40 anni. Il secondo trionfo è una riconferma del lavoro svolto e di un percorso che è quello giusto”.

Sulle differenze tra Italia e Germania: “L’intensità in Germania è più alta, anche per le squadre di medio bassa classifica sono atleticamente pronte. Anche lì 4 squadre hanno qualcosa in più. Dov’ero io c’era una rosa di 27 ragazze tutte professioniste che facevano solo quello, lì vedi un miglioramento perché se dedichi tutto il giorno a te stessa curi anche le tue carenze. Non perdi mai la concentrazione e dai sempre il massimo”.

Sugli obietti bresciani: “Quando una squadra inizia a vincere e capisce di avere la consapevolezza di avere un bel gruppo, bisogna sempre migliorarsi. Anche altre squadre si stanno rinforzando, la voglia è quella di riconfermarsi e raggiungere step superiore in Women’s Champions“.

Quale modulo in difesa? “Ho giocato a 3 al Bayern ma preferisco giocare come esterno offensivo che difensivo. Sono pronta a fare tutto e adattarmi alle esigenze del mister anche rispetto alle squadre contro cui giocheremo. Con la difesa a 4 forse avrei la possibilità di essere più offensiva, avrei più modo di divertirmi ed esprimermi meglio”.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!