Calcio

Calcio femminile / Giocatrice dello Young Boys scomparsa nel lago di Como

E’ lo Young Boys, club svizzero di Berna, ad annunciare che la sua centrocampista Florijana Ismaili risulta scomparsa da ieri, dopo un bagno nel lago di Como. Si sapeva che una turista svizzera era dispersa dopo un tuffo e non più riemersa. Solo oggi, tuttavia, sono state rese note le generalità con il club svizzero che ha confermato come si trattasse della 24enne centrocampista e capitana dello Young Boys, nata a Walperswil, nel cantone di Berna, da genitori di etnia albanese.
All’età di 10 anni approda all’FC Walperswil, poi la scalata fino allo Young Boys già all’età di 15 anni, per poi esordire un anno dopo in prima squadra, conquistando il titolo nazionale.
La ragazza viene convocata nelle varie giovanili nazionali, fino al debutto nel 2014 con la Svizzera e il Mondiale in Canada nel 2015.
Il comunicato dello Young Boys fa capire tutta la preoccupazione per una vicenda sulla quale ci sono ancora tanti dubbi: “La polizia continua le sue ricerche. Siamo molto preoccupati e non abbiamo perso la speranza che tutto andrà per il meglio. Siamo in stretto contatto con i familiari e chiediamo comprensione se non forniremo ulteriori informazioni al momento”.

Qualche mese fa il calcio femminile svizzero era stato colpito dalla morte improvvisa di Cora Caneta LEGGI QUI

Informazioni sull'autore

Matteo Angeli

Matteo Angeli

Direttore responsabile

Il fatto di aver avuto un papà bravo giornalista ha indubbiamente segnato la mia vita. Ma di sicuro lui non ha influito minimamente quel giorno che, appena diciottennne, rimasi folgorato da un tremendo fatto di cronaca. Chiesi ad un cronista di portami con se e fu in quel momento, mentre osservavo la scena, che sentii nascere qualcosa dentro: da grande anch'io avrei fatto il giornalista. Neppure il tempo di pensare che mi trovai in prova a Radio Babboleo, l'emittente più importante della mia terra, la Liguria. Quindi l'assunzione, poi le prime esperienze in tv, sui giornali locali, fino ad approdare al "mitico" Corriere Mercantile. Cronaca nera, politica, spettacoli e poi sport, tanto sport. Poi tante altre esperienze, di ogni tipo, in ogni campo. Oggi dopo quasi trent'anni il giornalismo è cambiato, e non poco. Io, a parte qualche ruga e qualche capello bianco, sono invece rimasto lo stesso. Pronto all'ennesima sfida.

Commenta

Clicca qui per commentare