Calcio

Calcio femminile / Mondiali: gli Usa ancora sul tetto del mondo! Troppo forti per l’Olanda

Fonte: FIFA Women's World Cup

Ha vinto la squadra più forte, quella favorita, quella per la seconda volta consecutiva sul tetto del mondo. Gli USA hanno vinto questa edizione dei Mondiali di calcio femminile dopo aver battuto senza troppi problemi l’Olanda. E’ il  quarto titolo in otto edizioni in cui hanno centrato anche un secondo e tre terzi posti. Gli Stati Uniti restano la squadra più forte in assoluto, nessuna avversaria al momento è in grado di impensierirli.
A Lione davanti a 56.000 spettatori la partita si è conclusa sul risultato di 2-0 che non ammette repliche.
Le ragazze americane dimostrano già in avvio di essere superiori ma nel primo tempo non riescono trovare la via del gol. Nella ripresa arriva il vantaggio. Al 58′ Van der Grant interviene male su Morgan in area: l’arbitro va a rivedere l’azione al VAR e assegna il rigore.  Al 61′ Rapinoe (Scarpa d’oro della manifestazione) batte il portiere con grande freddezza. Ci pensa Lavelle al 69′ a chiudere definitivamente i conti.
L’Olanda fatica a reagire e così per gli Usa portare a casa questa vittoria è cosa piuttosto semplice, anzi più volte sono loro a sfiorare la terza rete.
Usa campioni del mondo per la quarta volta, seconda consecutiva. L’Olanda esce tra gli applausi, per le “oranje” un Mondiale praticamente perfetto. Ma per arrivare davvero in alto la strada è ancora lunga.

STATI UNITI-OLANDA 2-0 (0-0)
RETI: 
 61′ rig. Rapinoe, 69′ Lavelle
Stati Uniti (4-3-3): Naeher 6; Dunn 6, Sauerbrunn 6, Dahlkemper 6, O’Hara (46′ Krieger 6); Mewis 6.5, Ertz 7, Lavelle 7; Rapinoe (79′ Press sv), Morgan 6,5, Heath 6,5 (87′ Lloyd sv). A disp.: Harris, Franch, McDonald, Horan, Brian, Pugh, Davidson, Sonnett, Long. All. Ellis 7
Olanda (4-3-3): Van Veenendaal 7; Bloodworth 5.5, Van Der Gragt 5, Dekker 5.5 (73′ Van De Sanden sv), Van Lunteren 5.5; Groenen 6, Van De Donk 6, Spitse 6; Beerensteyn 6, Miedema 5.5, Martens (70′ Roord sv). A disp.: Van Es, Van Dongen, Pelova, Jansen, Kaagman, Kop, Jansen, Kerkdijk, Van Der Most, Geurts. All. Wiegman 5.5
ARBITRO: Stephanie Frappart (FRA)
NOTE: Ammonite: Spitse (O), Dahlkemper (US), Van Der Gragt (O). Spettatori: 56.000 circa

 

Informazioni sull'autore

Matteo Angeli

Matteo Angeli

Direttore responsabile

Il fatto di aver avuto un papà bravo giornalista ha indubbiamente segnato la mia vita. Ma di sicuro lui non ha influito minimamente quel giorno che, appena diciottennne, rimasi folgorato da un tremendo fatto di cronaca. Chiesi ad un cronista di portami con se e fu in quel momento, mentre osservavo la scena, che sentii nascere qualcosa dentro: da grande anch'io avrei fatto il giornalista. Neppure il tempo di pensare che mi trovai in prova a Radio Babboleo, l'emittente più importante della mia terra, la Liguria. Quindi l'assunzione, poi le prime esperienze in tv, sui giornali locali, fino ad approdare al "mitico" Corriere Mercantile. Cronaca nera, politica, spettacoli e poi sport, tanto sport. Poi tante altre esperienze, di ogni tipo, in ogni campo. Oggi dopo quasi trent'anni il giornalismo è cambiato, e non poco. Io, a parte qualche ruga e qualche capello bianco, sono invece rimasto lo stesso. Pronto all'ennesima sfida.

Commenta

Clicca qui per commentare