Calcio

Calcio femminile / Mondiali: Magda e Pernille un bacio che unisce!

Una storia che unisce come solo il calcio a volte è capace di fare. Una storia che arriva dai Mondiali di calcio femminile in svolgimento in questi giorni in Francia. Magda Eriksson e Pernille Harder stanno insieme da 7 anni. Lunedì scorso Eriksson, difensore del Chelsea e della Nazionale svedese, ha conquistato i quarti di finale del Mondiale femminile di calcio battendo il Canada per 1 a 0 negli ottavi. Subito dopo Magdalena Eriksson si è lasciata andare ad un tenero bacio con la propria fidanzata Pernille Harder, anche lei in divisa gialloblù. Cosa c’è di strano? Nulla, se non fosse che Pernille è il capitano della Danimarca, esclusa dai Mondiali proprio dalla Svezia. Un vero e proprio atto d’amore quello della Harder che, nonostante la propria nazionalità, ha indossato la maglia delle rivali per sostenere la propria fidanzata.
Un bacio che unisce la Scandinavia, e un bel messaggio per il mondo in generale. Perché davvero il calcio a volte è capace di cose incredibili.

Magdalena Eriksson
(Getty Images)

Informazioni sull'autore

Matteo Angeli

Matteo Angeli

Direttore responsabile

Il fatto di aver avuto un papà bravo giornalista ha indubbiamente segnato la mia vita. Ma di sicuro lui non ha influito minimamente quel giorno che, appena diciottennne, rimasi folgorato da un tremendo fatto di cronaca. Chiesi ad un cronista di portami con se e fu in quel momento, mentre osservavo la scena, che sentii nascere qualcosa dentro: da grande anch'io avrei fatto il giornalista. Neppure il tempo di pensare che mi trovai in prova a Radio Babboleo, l'emittente più importante della mia terra, la Liguria. Quindi l'assunzione, poi le prime esperienze in tv, sui giornali locali, fino ad approdare al "mitico" Corriere Mercantile. Cronaca nera, politica, spettacoli e poi sport, tanto sport. Poi tante altre esperienze, di ogni tipo, in ogni campo. Oggi dopo quasi trent'anni il giornalismo è cambiato, e non poco. Io, a parte qualche ruga e qualche capello bianco, sono invece rimasto lo stesso. Pronto all'ennesima sfida.

Commenta

Clicca qui per commentare