Calcio femminile. L’Asd Fortitudo Mozzecane si congeda e e lascia ufficialmente il posto al ChievoVerona Women FM. Dopo un’avventura ventennale che ha visto la formazione della piccola cittadina della provincia veronese toccare anche i palcoscenici prestigiosi della Serie A ecco l’epilogo.
L’obiettivo è quello di perseguire una crescita organizzativa fra tradizione e rinnovamento: da una parte si procede nel segno della continuità attraverso la conferma delle figure che dal 1997 ad oggi hanno contribuito a costruire e far crescere questa realtà; dall’altra, si intende intraprendere un progetto innovativo in grado di affrontare sfide sempre più ambiziose, in sintonia con lo sviluppo generale del movimento del calcio femminile e con la nuova frontiera del professionismo che sarà tracciata nel 2022.
A testimonianza del legame sempre più stretto con la società clivense, lo storico Centro Bottagisio”, che fu il palcoscenico della scalata dei “Mussi Volanti” verso le serie maggiori, ospiterà la Prima Squadra della compagine rosa, mentre il settore giovanile continuerà a scendere in campo a Mozzecane, che resterà il bacino d’utenza prescelto da cui attingere e per far crescere nuove piccole campionesse.
Un vero e proprio restyling che parte dal nome e dal logo, ma che coinvolge anche l’intero assetto dirigenziale gialloblù.
Un’importante novità è sicuramente l’avvicendamento alla Presidenza. Giuseppe Boni, fondatore e figura storica della Fortitudo Mozzecane, passa il testimone ad Alice Bianchini. La struttura societaria si allarga a 12 soci, di cui 5 saranno membri del CdA.
I nuovi ingressi nel club di Bruno Spozio e Corrado Giacomazzi completeranno il team della scorsa stagione, formato da Alice Bianchini, Deila e Giuseppe Boni, Massimiliano Rossi, Alberto Facincani, Francesco De Giorgio, Salvatore Mele, Mario Marcomini, Gianluca Sgreva e Loris Lubiato.
Quando sono entrata a far parte di questa famiglia l’ho fatto con grande entusiasmo, spinta dalla passione per questo sport e per il mondo del calcio femminile – spiega la neoeletta. Con il passare degli anni ho visto crescere questa realtà grazie al lavoro comune di tutti e oggi sono onorata di rivestire la carica che mi è stata affidata e ancora più orgogliosa di fare parte di questa società. Un grazie di tutto cuore a Giuseppe perché senza di lui questo club non sarebbe mai esistito e noi non avremo potuto raccogliere la sua eredità”.
Di questo nuovo inizio del club farà comunque parte anche Giuseppe Boni, che figurerà nella dirigenza del ChievoVerona Women FC nella veste di Presidente Onorario.
“Le richieste della categoria crescono di giorno in giorno – dichiara Boni. Per mantenere il livello alto era necessaria la predisposizione di una società strutturata, con tante persone chiamate a fare il loro dovere al meglio in base al proprio ruolo. Di conseguenza era una direzione obbligatoria.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!