Calcio

Calcio/ Le Bomberine vincono campionato e Coppa. E ora diventano zie…

Ricordate Le Bomberine? Avevamo parlato di loro qualche tempo fa perché grazie al loro modo di vivere il calcio sono riuscite a diventare protagoniste assolute della scena nazionale. Questa “pazza” squadra di calcio a 5 femminile di Padova ha vinto il campionato grazie al miglior attacco e alla miglior difesa. Sara Rizzo è stata nominata miglior giocatrice mentre Silvia Voltan ha vinto la classifica capocannonieri con ben 58 gol messi a segno in 26 partite.
Le Bomberine hanno messo in bacheca anche la Coppa Rimmel ( Coppa Regionale ) dopo aver battuto 8-4 il Romano d’Ezzelino (Vicenza). Anna Stoppa ha conquistato il titolo di capocannoniere.

 

Insomma una stagione da incorniciare per le ragazze guidate da Marco Bobby che tra qualche mese diventeranno zie. Già perché Alice Scapin è in dolce attesa di una femminuccia che, ovviamente, ha già un posto riservato in squadra.
Siamo emozionate – racconta Anna Gobbato, insegnante di educazione fisica – Alice ci ha fatto questo “regalo”, non vediamo l’ora di vedere la nostra “nipotina”. A parte tutto chiudiamo la stagione felicissime, abbiamo vinto tutto e soprattutto abbiamo portata avanti la nostra filosofia: giocare divertendosi“.

VUOI SAPERNE DI PIU? LEGGI LA LORO STORIA CLICCA QUI

Informazioni sull'autore

Matteo Angeli

Matteo Angeli

Direttore responsabile

Il fatto di aver avuto un papà bravo giornalista ha indubbiamente segnato la mia vita. Ma di sicuro lui non ha influito minimamente quel giorno che, appena diciottennne, rimasi folgorato da un tremendo fatto di cronaca. Chiesi ad un cronista di portami con se e fu in quel momento, mentre osservavo la scena, che sentii nascere qualcosa dentro: da grande anch'io avrei fatto il giornalista. Neppure il tempo di pensare che mi trovai in prova a Radio Babboleo, l'emittente più importante della mia terra, la Liguria. Quindi l'assunzione, poi le prime esperienze in tv, sui giornali locali, fino ad approdare al "mitico" Corriere Mercantile. Cronaca nera, politica, spettacoli e poi sport, tanto sport. Poi tante altre esperienze, di ogni tipo, in ogni campo. Oggi dopo quasi trent'anni il giornalismo è cambiato, e non poco. Io, a parte qualche ruga e qualche capello bianco, sono invece rimasto lo stesso. Pronto all'ennesima sfida.

Commenta

Clicca qui per commentare