Dopo essere stata grande protagonista del Mondiale di Francia, la nazionale italiana di calcio femminile questa mattina è stata ospite del presidente della Repubblica Sergio Mattarella al Quirinale.
E’ del tutto irrazionale e inaccettabile una diversa condizione tra calcio maschile e femminile – sono state le parole del capo dello Stato – Il calcio femminile ha dimostrato di avere un livello tecnico di grande qualità e vorrei aggiungere, senza polemiche con nessun,o un molto minore ricorso a infingimenti e simulazioni, a tutto quello che può essere utile ma che è meno sportivo. Non sappiamo chi vincerà, ma voi il Mondiale l’avete vinto, qui in Italia. Avete conquistato la pubblica opinione, acceso i riflettori in modo non più revocabile”.
Presenti una decina di giocatrici e il ct Milena Bertolini, accompagnate dal numero uno del CONI Giovanni Malagò e dal presidente federale Gabriele Gravina.
Molto emozionato il ct della nazionale femminile di calcio Milena Bertolini“Essere qui è un motivo di orgoglio. Di solito sono ricevuti al Quirinale le squadre o gli atleti che hanno vinto qualcosa: noi non abbiamo vinto, ma abbiamo fatto qualcosa di importante. E questo è un motivo di grande orgoglio. Voglio ringraziare le atlete che hanno onorato la maglia azzurra, lo staff, il presidente Gravina e Malagò. I media, che hanno investito energie e risorse fin qui mai viste. E grazie anche agli appassionati che in passato senza ribalta mediatica hanno reso possibile il nostro sogno combattendo giornalmente con i pregiudizi””.

(Getty Images)


Sara Gama, capitana dell’Italia, ha citato l’articolo 3 della Costituzione legandolo al numero della sua maglia: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso”.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!