Calcio

Calcio/Megan Rapinoe mattatrice a NY: “Siate il meglio di ciò che potete essere”

twitter.com/USWNT

La nazionale di calcio femminile degli Stati Uniti, vincitrice del Mondiale di Francia, è tornata in patria e dopo la partecipazione a Good Morning America, le ragazze degli USA si sono godute la festa organizzata per loro nella città di New York.
Nella grande mela, neanche a dirlo, grande protagonista è stata Megan Rapinoe. La numero 15 ha capitanato la squadra in campo condividendo la fascia con Alex Morgan e Carli Lloyd: “È un onore guidare questo gruppo insieme a loro” le sue parole. Poi scherza: “Non vorrei esser davvero in nessun altro posto adesso. Nemmeno in corsa per le presidenziali. Mi dispiace ma in questo momento sono parecchio occupata“.
Il discorso torna ad essere serio ma a Megan Rapinoe il sorriso non manca mai e qualche risata la strappa anche al pubblico, alle compagne, allo staff e anche ai membri della Federazione e dell’amministrazione della città di New York:Questo gruppo è davvero fortissimo, niente lo spaventa. È un gruppo resiliente ed eterogeneo. Abbiamo ragazze con i capelli rosa, con i tatuaggi, con i dreadlocks. Abbiamo ragazze nere, bianche e anche tutte le sfumature che ci sono in mezzo. Abbiamo ragazze etero e gay. Siamo stati vittime di discriminazioni, altre volte abbiamo fomentato noi la protesta. Mi scuso per quello che ho detto ma non per tutto“.
Non poteva mancare, in chiusura, un riferimento al tema dell’equal pay e della discriminazione di genere: “Abbiamo la responsabilità di rendere il mondo un posto migliore. Dobbiamo fare tutto il possibile. Prendete come esempio la nostra squadra, siamo riuscite a compiere un’impresa per essere qui con voi oggi. E lo abbiamo fatto con il sorriso“.

Informazioni sull'autore

Diletta Barilla

Diletta Barilla

Da sempre appassionata di sport seguo prevalentemente il calcio, anche nella sua versione più “grezza” il soccer della lega americana. Sarà forse per la data di nascita, il 4 luglio, ma ho un debole per gli atleti a stelle e strisce e tutto lo sport made in USA. La racchetta da tennis sempre a portata di mano, il pallone come mantra

Commenta

Clicca qui per commentare