Bandiere, leader sia in campo che fuori, fondamentali per l’equilibrio delle loro squadra, in una parole due Capitani con la “c” maiuscola. Tanto basta per descrivere Valentina Cernoia, centrocampista del Brescia e Melania Gabbiadini, attaccante dell’AGSM Verona. Entrambe vengono da una stagione che dal punto di vista fisico non è stata della migliori, Cernoia litiga da tempo con una caviglia mentre Gabbiadini dopo l’infortunio di aprile con la Nazionale ha continuato a fare avanti e indietro dall’infermeria alla ricerca del recupero giusto.

Il capitano del Brescia la scorsa estate ha ereditato la fascia da Elisa Zizioli e nel suo curriculum può già scrivere di uno scudetto vinto da protagonista, spesso stringendo i denti. Un esempio in questo senso è stata l’ultima gara contro il Riviera di Romagna dove la centrocampista ha recuperato in extremis per essere in campo ad aiutare le sue compagne.

Melania Gabbiadini è ormai il capitano di lunga data dell’AGSM Verona. Forse la sua per lunghi tratti, tra le tante assenze che hanno decimato nel corso della stagione la squadra di mister Longega, è stata la più pesante. Con o senza Melania Gabbiadini, il Verona cambia volto soprattutto dal punto di vista della cattiveria agonistica e della sicurezza nei propri mezzi. Esperienza e abitudine a giocare ad alti livelli sarebbero fondamentali anche nella gara del 12 giugno.

Per entrambe le calciatrici sarà una settimana di cure in infermeria e test per decidere se scendere o meno in campo. Nessuna vuole mancare, le loro presenze o assenza potrebbero spostare gli equilibri da una parte o dall’altra.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!