Vari

Chica Loca: domani il via. Venti donne si sfideranno in moto nel deserto

Tutto pronto. Domani si parte. Le venti ragazze hanno già l’adrenalina a mille per il Chica Loca Oman Edition che prenderà via proprio domani quando si vedranno all’aeroporto di Milano Malpensa. Destinazione Salalah, capitale della regione del Dhofar, nell’Oman Meridionale, quartier generale del Challenge tutto al femminile. Il pernottamento tra una tappa e l’altra è previsto in bivacco, mentre a Salalah si dormirà in hotel. Il ritorno in Italia è previsto per il 26 gennaio 2020.
Il percorso prevalentemente in fuoristrada, nel deserto, sarà indicato da una traccia GPS e la scelta della rotta sarà a libera interpretazione del partecipante, ma maggiore sarà la fedeltà al percorso, minori i punti di penalità.
L’organizzazione fornirà tracce GPS e cartine con il percorso prima della partenza di ogni tappa, che sarà preceduta anche da un briefing con la comunicazione di tutte le informazioni più importanti, comprese le eventuali variazioni di percorso.
China Loca ideata da Enrica Perego, più volte campionessa italiana di Motorally, e da Vittoria Dami, fotografa e producer con una particolare inclinazione al motociclismo, ha visto una prima edizione l’anno scorso in Marocco. “Siamo pronte – dice entusiasta Vittoria – abbiamo organizzato tutto nei dettagli per mesi, ora è arrivato il grande giorno. Sarà un’esperienza fantastica all’insegna dei motori ma soprattutto dell’amicizia perché tra noi c’è, e ci sarà anche questa volta, un qualcosa di speciale che ci lega“.
Accendete i motori, si parte!

Informazioni sull'autore

Matteo Angeli

Matteo Angeli

Direttore responsabile

Il fatto di aver avuto un papà bravo giornalista ha indubbiamente segnato la mia vita. Ma di sicuro lui non ha influito minimamente quel giorno che, appena diciottennne, rimasi folgorato da un tremendo fatto di cronaca. Chiesi ad un cronista di portami con se e fu in quel momento, mentre osservavo la scena, che sentii nascere qualcosa dentro: da grande anch'io avrei fatto il giornalista. Neppure il tempo di pensare che mi trovai in prova a Radio Babboleo, l'emittente più importante della mia terra, la Liguria. Quindi l'assunzione, poi le prime esperienze in tv, sui giornali locali, fino ad approdare al "mitico" Corriere Mercantile. Cronaca nera, politica, spettacoli e poi sport, tanto sport. Poi tante altre esperienze, di ogni tipo, in ogni campo. Oggi dopo quasi trent'anni il giornalismo è cambiato, e non poco. Io, a parte qualche ruga e qualche capello bianco, sono invece rimasto lo stesso. Pronto all'ennesima sfida.

Commenta

Clicca qui per commentare