Il Chieti torna a parlare nella conferenza pre partita in vista della sfida contro la Res Roma di sabato alle 14.30.

“Sarà una partita difficile – spiega mister Lello Di Camillocontro una squadra che ha iniziato il campionato al meglio, in casa si fa rispettare e viene da alcune salvezze raggiunte nelle ultime giornate e buone stagioni disputate nella massima serie. Per noi non è un momento altamente positivo, ci lasciamo alle spalle gli incontri con due squadre che puntano allo scudetto in quattro giornate”.

Sulla situazione del Chieti: “La situazione non è buonissima, ma neanche drammatica, andremo a giocarci la nostra partita sperando di aver rialzato il morale della squadra e di essere cinici al punto giusto per cercare di prendere fiducia. In parte temevo il fatto di avere dei cali mentali: abbiamo tanti elementi in rosa che non sono mai state in Serie A, alcune anche giovanissime. Ora il problema è che questo però si sta verificando di più di quanto mi potessi aspettare. Penso però che il campionato è lungo, dobbiamo reagire subito. Se sarà necessario sistemare la squadra lo faremo, se reagisce in un determinato modo per me potrà raggiungere la salvezza. Abbiamo un mese e mezzo di tempo per cercare di dare una scossa, se avremo ancora delle difficoltà faremo gli interventi giusti per cercare di raggiungere il nostro obiettivo. Per la trasferta a Roma tutte le giocatrici sono disponibili tranne Riboldi: in questo inizio ci è andata bene con gli infortuni, però in questo momento la sua assenza  non ci voleva visto che è una di quelle che ha tanto carattere e poteva metterlo al servizio delle compagne, ma la recupereremo fra un paio di partite”.

Queste invece la parole di capitan Valentina Di Marco: “Avremo di fronte una squadra subito aggressiva, consapevole dei suoi mezzi, che farà di tutto per portare a casa i tre punti. Noi dobbiamo cercare di fare la nostra partita e soprattutto dare una prova di carattere che ci serve per conquistare magari la vittoria e dimostrare a noi stesse che siamo in grado di stare in Serie A e conquistare la salvezza. Dobbiamo partire subito bene cercando di fare il nostro gioco rimanendo compatte e neutralizzando le loro giocate. Quest’anno affrontiamo squadre molto più organizzate e strutturate: bisogna migliorare nel gioco e cercare di dare continuità al saper soffrire, altrimenti non si arriva da nessuna parte. Ci troveremo di fronte a delle avversarie che dal primo minuto al novantesimo lotteranno per arrivare ai tre punti, sarà fondamentale perciò trovare lo stimolo giusto per far bene e la cattiveria agonistica che in tante occasioni può essere preziosa nei momenti in cui si perde lucidità. Sabato sarà vitale ritrovare la voglia di vincere e di riscattarci, dimostrare cioè a noi stesse di potercela giocare con tutte. Quando vengono a mancare in campo tre o quattro giocatrici ci si sbilancia e ci puniscono: c’è bisogno di tutte e undici in tutti i novanta minuti in ogni partita. Con il Brescia era stata più una prova di carattere, con la Fiorentina non è successo: contro le Campionesse d’Italia avevamo avuto tre o quattro occasioni per segnare e dovevamo farlo visto che con queste squadre così forti non fare gol significa quasi sicuramente poi perdere. Con le viola è stata tutta un’altra storia. Crediamo nella salvezza: si deve lavorare sulle nostre lacune negli allenamenti cercando di superarle per ritrovare così la lucidità giusta in partita”.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!