Impossibile definirlo passo falso, perché far punti con le campionesse d’Italia sarebbe stata una vera impresa per il neopromosso Chieti.

Queste, a fine gara, le parole di Giada Di Camillo per chieticalciofemminile.com: “Siamo state brave a non chiuderci in difesa e nelle ripartenze, non tutte giocano con un 3-5-2 contro il Brescia. Il Mister ci ha preparato con questo modulo che non avevamo mai utilizzato. Non abbiamo subito fisicamente la loro grandezza: non abbiamo avuto troppe difficoltà ad arginare la loro manovra d’azione anche se poi sono state ciniche nel  concretizzare le occasioni migliori che hanno avuto. È stata una partita comunque diversa rispetto a quella di andata: ormai abbiamo preso le misure alla Serie A e siamo consapevoli di essere da Serie A. Probabilmente nel girone di andata c’è stato anche un po’ di timore, ma comunque ora cominciamo a tirare fuori il carattere. In questa partita abbiamo cercato di tenere bene tutti i novanta minuti, cosa che non ci era riuscita all’andata: loro sono molto forti e abili a fare tesoro delle occasioni che hanno, sono molto ciniche, sotto questo punto di vista dobbiamo ancora crescere, ma stiamo comunque facendo passi da giganti giorno dopo giorno. Ora ci aspettano tre scontri diretti: il recupero a San Zaccaria, poi a Como ed infine in casa con il Cuneo. Dobbiamo riscattare il passo falso di Cuneo dell’andata. Credo che possiamo conquistare nove punti, ci impegneremo molto senza fermarci un attimo per riuscirci. Cercheremo così di raggiungere il nostro obiettivo che vuole essere la salvezza diretta. Non siamo abituate a questa mole di lavoro per tutti questi impegni ravvicinati, però come ci siamo abituate alla Serie A e lo faremo anche a questo. È andata così in seguito al lungo stop per gli impegni della Nazionale in Brasile prima e poi all’arrivo delle copiose nevicate. Sicuramente può influire sul fisico visto che non abbiamo mai tempo di recuperare e dovremo anche affrontare trasferte lunghe: in tre giorni giocheremo due partite. Stiamo cercando di lavorare al meglio e di gestirci nella maniera migliore”.

Mentre Evelyn Vicchiarello ha spiegato: “Siamo entrate in campo subito decise, non con la paura di dover affrontare il Brescia Campione d’Italia. Abbiamo retto bene nel primo tempo, peccato aver preso il gol quasi allo scadere, ma siamo contente della prestazione. Avevamo di fronte una squadra molto forte, bisogna però essere molto più cattive nel concretizzare le occasioni quando ti capitano contro delle compagini come il Brescia. È stata brava Silvia a salvare in varie situazioni, ma una volta subito il primo gol gli spazi si sono aperti, noi dovevamo rischiare. Ora ci attendono partite molto ravvicinate fra loro: sarà un impegno soprattutto fisico perché ne abbiamo giocate due in casa su un campo che sicuramente non ci ha aiutato essendo pesante. Siamo alle porte di due incontri fondamentali, dobbiamo recuperare subito le forze per affrontarli al meglio”.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!