Ciclismo Costume e società Sport

Ciclismo/Madison Kelly e la gattina randagia, la storia che commuove il web

2da12c8e-f67c-11e8-a095-7589b4a03838_ciclista01x-k2mH-U11201352851881D4G-1024x576@LaStampa.it

Storia di sport e di amicizie particolari  come quella nata per caso tra la ciclista statunitense, classe 1993, Madison Kelly  e la gattina randagia che, con il suo musetto,  ha fatto il giro del web.
Proprio dopo aver partecipato ad una corsa di bici a South Chicago, Madison ha conosciuto Puig, la gattina che l’ha scelta come compagna umana per la vita commuovendo davvero tutti.
Madison Kelly racconta come è avvenuto l’incontro con la sua Puig: “Era una gattina solitaria, dei motociclisti l’hanno trovata sotto una macchina e l’hanno portata in giro in cerca di qualcuno che se ne occupasse”. Da amante dei felini, la giovane ciclista, si è avvicinata incuriosita, ed è bastato pochissimo per far scattare la scintilla. La piccola gattina, appena Madison si è avvicinata,  le è salita sulla spalla cercando fin da subito un contatto diretto con quella, che da lì a breve, sarebbe diventata la sua nuova “mamma umana”.

Anche in auto, andando verso la sua nuova casa, Puig è stata vicina alla ciclista statunitense, dormendo per tutto il tragitto sulle sue ginocchia. “Da quando è con me è diventata la mia ombra, vuole prendere parte a tutto quello che faccio. Puig è una gattina giocosa e curiosa. Quella gara non l’ho vinta ma ho vinto l’affetto e l’amicizia di una compagna speciale”.

Una bellissima storia, di quelle che scaldano il cuore e che vorremmo leggere sempre più spesso.

Informazioni sull'autore

Laura Rossetti

Laura Rossetti

Nata a Genova il 31 luglio del 1978.
Mi sono sempre definita poco genovese nel carattere e poco femminile nelle passioni.
Da bambina preferivo il pallone alle bambole e oggi i tacchetti ai tacchi.
A scuola ero una bomba in italiano ma completamente incapace in matematica.
Istintiva, generosa, curiosa e alla perenne ricerca di nuove motivazioni, sono un'insoddisfatta cronica, troppo ambiziosa per non essere esigente con me stessa.
Amo lo sport, il calcio in particolare, viaggiare e consolarmi dalle piccole delusioni con lo shopping.
Il mio motto? Nulla paga più dell’ammirazione di chi stimi...

Commenta

Clicca qui per commentare