Davanti ad un pubblico impazzito di gioia Dorothea Wierer ha vinto la medaglia d’oro nell’inseguimento femminile ai Mondiali di Biathlon ad Anterselva. Per la 29enne azzurra, detentrice della coppa del mondo, è il secondo titolo iridato dopo quello vinto lo scorso anno a Ostersund nella mass start.
Ancora non ci credo – le sue parole al traguardo – Sapevo che, sparando bene, potevo farcela e così è stato. Dal primo giro mi sentivo bene e, con il passare dei chilometri, per me, la situazione migliorava. Vincere qui, davanti a questa gente, è un sogno che si avvera, era la cosa che sognavo fin da bambina“.
Ma chi è Dorothea Wierer? Nata a Brunico il 3 aprile 1990 sotto il segno dell’Ariete, cresce ad Anterselva dove si avvicina al mondo dello sci e di conseguenza del biathlon. Già nel 2008 vince una medaglia ai mondiali giovanili, risultati ripetuto l’anno successivo. Arrivata alla categoria juniores porta a casa un oro e un argento agli europei di categoria e lo stesso risultato ai mondiali. Poi i primi grandi successi tra i professionisti. Cinque medaglie ai Mondiali e ben due alle Olimpiadi. Il 2019 per lei è stato un anno fantastico che l’ha vista conquistare la Coppa del Mondo generale di biathlon.
Dorothea Wierer guadagna circa 400 mila euro a stagione tra premi e sponsor, fiore all’occhiello delle Fiamme Gialle, in una stagione si allena per 700 ore di allenamento nel fondo e 300 nel tiro. E’ sposata dal 2016 con Stefano Corradini. I due si sono conosciuti ad una festa, del resto pur non essendo esattamente colleghi lavorano nello stesso ambito visto che Stefano Corradini era allenatore responsabile del comitato FISI Trentino e allenava la squadra dello sci di fondo.
Dorothea ama anche godersi la vita, adora mangiare, andare in bicicletta, ha una passione per la cioccolata e per rilassarsi ricorre all’uncinetto. Spesso dorme solo quattro ore per notte, ama la moda e lo spritz e vorrebbe essere un pò più alta (è 158 cm).
Dorothea Wierer è molto seguita sui social (più di 400.00 follower su Instagram) dove è apprezzata anche per la sua bellezza ed infatti è molto richiesta anche da agenzie di pubblicità. “A me e ad altre atlete piace essere femminili in uno sport che viene considerato da maschi. È bello se vedi in gara una donna un po’ curata e truccata. Prima di partire mi metto mascara, highliner, e ogni tanto il fondotinta”.

View this post on Instagram

🧘🏽‍♀️

A post shared by ᴰᴼᴿᴼᵀᴴᴱᴬ ᵂᴵᴱᴿᴱᴿ ️️ (@dorothea_wierer) on

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!