Tennis

Flavia Pennetta: “Contraria agli atleti transgender. Esiste un ordine delle cose”

Flavia Pennetta, ex tennista azzurra, ritiratasi dalle scene nel 2105 all’età di 33 anni, si schiera apertamente contro la presenza di atleti transgender nello sport. In merito alle polemiche che hanno investito Martina Navratilova, anche lei ex tennista  e vincitrice di 18 titoli del Grande Slam, dichiaratamente lesbica e nonostante questo estromessa dall’organizzazione Lgbt denominata Athlete Ally perché si è dichiarata contraria alle gare con gli atleti transgender Flavia ha poco dubbi: “Argomento difficile da risolvere. Però va detto che sono geneticamente diversi. Superiori fisicamente. Hanno più potenza. Va bene che vogliamo rendere il mondo aperto, vogliamo essere liberi in tanti aspetti. Ma esiste anche un ordine delle cose. Ma sarò fatta male io…”.
In un’intervista rilasciata al quotidiano La Repubblica, Pennetta allarga poi il discorso parlando di conquiste nello sport e di molestie.
Sono felice di tutto quello che noi donne abbiamo ottenuto nella storia – sono le sue parole – ma forse stiamo andando un po’ dall’altra parte. Non so, ho come l’impressione che venga tutto accentuato. Attenzione, il rispetto per la donna deve esserci a prescindere, e noi dobbiamo lottare per averlo se non ti viene dato, bisogna guadagnarselo e lottare per averlo ma ripeto, per me vanno fatti dei distinguo. Semplicemente, una cosa è un corteggiamento, una battuta, e un’altra cosa quella che va oltre il corteggiamento. Boh, mi sbaglierò ma stiamo andando un po’ oltre tutti quanti”.