Sci / Snowboard Sport

Lindsey Vonn, cambia idea: “Non smetto senza correre a Lake Lousie”

Sci, Lindsey Vonn

Lindsey Vonn cambia idea. L’addio alle gare adesso si allontana. Fatale in questo senso l’infortunio che non le ha permesso di gareggiare sulla sua pista preferita: “Non smetto senza correre a Lake Louise” avrebbe detto la statunitense. Nella sua carriera la Vonn ha subito parecchi infortuni ma una delle sue doti più grandi è sempre stata la determinazione e la forza per recuperare e tornare – ogni volta – più forte di prima.

Alla vigilia di questa stagione, e poco prima del suo compleanno – ha compiuto 34 anni lo scorso 18 ottobre – era stata lei stessa ad annunciare che questa sarebbe stata la sua ultima stagione ma l’ennesimo infortunio subito proprio alla vigilia dell’inizio della stagione la ha fatta riflettere soprattutto perché la ha costretta a saltare l’appuntamento casalingo in una delle sue piste preferite: “Non voglio restare con il rimorso di non aver gareggiato a Lake Louise. Non può finire così, senza riprovare quell’emozione un’ultima volta. Non importa se tornerò e non sarà per lottare per vincere ma voglio comunque tornare e scendere da questa pista un’altra volta“.

La sua non decisione, il suo cambiare idea potrebbe far sorgere qualche polemica ma Lindsey Vonn non sembra preoccuparsene, anzi il contrario: “Mi sarei voluta godere al massimo la mia ultima stagione e non poter scendere nella mia gara preferita non è di certo il massimo. Non mi importa quello che pensa la gente, è una questione di emozioni per me“. Ma arrivano anche buone notizie per lei, il rientro si avvicina e dovrebbe già essere in gara a Saint Moritz il prossimo 8 dicembre.

 

Informazioni sull'autore

Diletta Barilla

Diletta Barilla

Da sempre appassionata di sport seguo prevalentemente il calcio, anche nella sua versione più “grezza” il soccer della lega americana. Sarà forse per la data di nascita, il 4 luglio, ma ho un debole per gli atleti a stelle e strisce e tutto lo sport made in USA. La racchetta da tennis sempre a portata di mano, il pallone come mantra

Commenta

Clicca qui per commentare