Dopo la decisione della Federazione Pallavolo di fermare i campionati le polemiche non si attenuano e ora prende campo l’ipotesi di un ritorno in campo ad agosto. Alcune società stanno infatti studiando una possibile soluzione alternativa che eviti in qualche modo di cancellare tutti i tornei giocati fino a poche settimane fa.
Daniele Santarelli, coach di Imoco Conegliano spiega così a Radio Anch’io lo sport su Radio 1 la sua posizione: “La sicurezza e la salute prima di tutto, ma non vedevo tutto compromesso ancora. Se lo scudetto non dovesse essere assegnato accetterei con grande sportività la decisione, ma penso che dopo 6 mesi di stagione non può essere cancellato tutto. Se il classico campionato non si può giocare, si può trovare una formula d’emergenza. Noi avevamo tutto da perdere, stavamo andando alla grande, potevamo vincere lo scudetto e anche la Champions. La decisione della Fipav è stata traumatica, poteva almeno aspettare per capire se c’era la possibilità di estendere l’ulteriore possibilità di provare a finire la stagione”.
La decisione della Federazione Pallavolo aveva comportato le dimissioni in blocco dei due presidenti delle Leghe del volley maschile e femminile, Diego Mosna e Mauro Fabris, in totale disaccordo e polemica. La sensazione è che davvero qualcosa possa ancora cambiare. Tutto ovviamente dipenderà dal propagarsi del virus.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!