Atletica

Podismo / Cross del Campaccio: vince Yasemin Can, quinta Sara Dossena

dossena campaccio

Ha tenuto fede alle aspettative il 62° Cross del Campaccio, campestre internazionale che si è disputata oggi sui prati di San Giorgio sul Legnano, apertura ufficiale della stagione 2019. Una gara che l’Unione Sangiorgese organizza da tanti anni garantendosi la partecipazione di atleti di livello mondiale. A differenza di altre edizioni, il giorno dell’Epifania si è assistito a gare su terreno compatto e con temperature miti.
La gara internazionale femminile di sei chilometri ha visto un copione ormai collaudato: da una parte le africane, dall’altra le azzurre. Sarebbe meglio specificare: le keniane naturalizzate asiatiche o quant’altro. Si , perchè è stata la turca Yasemin Can ( in Kenya si chiamava Viviane Jemutai) a prendere il comando della corsa a metà dei sei chilometri previsti e a scompigliare il plotoncino comprendente l’etiope Silenat Yismaw e l’ex keniana (adesso israeliana) Lonah Salpeter. Dietro si era formato un gruppetto con la siepista Isabel Mattuzzi , Giulia Viola, Sara Dossena e la campionessa juniores di campestre Nadia Battocletti. Nel finale Can è letteralmente volata, sfoderando un superbo “compasso” di gambe , e ha trionfato in 19’21”. Sotto i 20’00”, nell’ordine,  Silenat Yismaw (Etiopia), Caroline Chepkemoi (Kenya), e Lonah Salpeter (Israele).

Foto: Giancarlo Colombo

Prima italiana al traguardo, quinta assoluta, Sara Dossena (Laguna Running), che a un certo punto è evasa dal gruppetto delle italiane cercando di avvicinarsi alle africane. Sesta Nadia Battocletti (Fiamme Azzurre), che così si è riscattata dall’opaca prova alla Boclassic, quindi settima e ottava Isabel Mattuzzi (Quercia Rovereto), e Giulia Viola (Fiamme Gialle), recuperate dopo infortuni di varia entità. Quantomeno le più forti crossiste italiane del momento hanno dimostrato coraggio e buona forma. Ma siamo solo in inizio di stagione. Tempo un mese e arriveranno altre classiche come, ad esempio, l’importante appuntamento con la Cinque Mulini.

Informazioni sull'autore

Danilo Mazzone

Danilo Mazzone

In gioventù campione ligure 5000 m e maratona. Giornalista pubblicista (specializzazione sportiva: atletica e podismo) collaboratore dei quotidiani "Il Secolo XIX", "Gazzetta dello Sport", "Corriere Mercantile", "Repubblica". Collaboratore del mensile nazionale "Correre" e della rivista "Atletica Leggera". Blogger del sito Corriliguria. Addetto stampa della Fidal (Federazione di Atletica Leggera) ligure. Addetto stampa della Mezza Maratona Internazionale delle Due Perle (Santa Margherita Ligure). Per sette anni docente a contratto di Storia dello sport presso la Facoltà di Scienze Motorie dell'Università di Genova. Autore del libro "Manuale di Storia dello Sport", Dynamicon Edizioni, Milano, 2016. Istruttore di atletica leggera e personal trainer

Commenta

Clicca qui per commentare