Dopo la vittoria nel derby del Garda, il Brescia ha ottenuto matematicamente la certezza di accedere alla Women’s Champions League del prossimo anno. Un traguardo importante per la società di Giuseppe Cesari. Queste le parole dei pratagonisti ai microfoni dell’ufficio stampa delle Leonesse.

Mister Milena Bertolini: “E’ stata una partita molto combattuta, col risultato in bilico fino alla fine. Nel secondo tempo abbiamo affrontato la gara con un piglio diverso. Abbiamo preso gol nel nostro momento migliore, a volte il nostro limite è non concretizzare la mole di gioco e loro sono stati micidiale nella ripartenza. Marchitelli ha fatto parate importante. Nell’intervallo ho parlato con la squadra perché non mi era piaciuta, serviva di più. Poi però sono state brave e hanno messo qualcosa in più. Nel nostro ambiente si danno per scontate le cose, ma non credo siano così perché i Campionati sono molto lunghi. Avevamo l’obiettivo di vincere lo Scudetto e non ci stiamo riuscendo, ma il fatto di andare in Europa, in parte ci ripaga dei sacrifici. Rosucci? Abbiamo rischiato con lei, ma è stato un rischio ponderato. E’ stato molto brava, è entrata tranquilla e nonostante sia giovane ha un’esperienza importante. Forse ho abusato di lei, avrei dovuto toglierla un po’ prima perché era stanca. Nonostante l’emergenza a centrocampo stiamo facendo bene, grazie anche alla disponibilità delle ragazze”.

Cristiana Girelli invece: “Ci tenevamo ad ottenere questa vittoria, il Verona è una squadra giovane e tosta. Volevamo vincere davanti al nostro pubblico, abbiamo l’amaro in bocca per come è finita l’andata. Siamo contente di aver raggiunto la Champions. Sto crescendo fisicamente, questo mi sta aiutando ad interpretare un nuovo ruolo secondo le mie qualità. A centrocampo si ha la resposabilità di non perdere molti palloni. Oltre alla prestazioni stanno arrivando i risultati. Per la società arrivare in Europa è importante, un palcoscenico che dà valore al Brescia. Sabato prossimo non sarà facile giocare contro il Mozzanica. Vogliamo tenerci stretta la Coppa Italia perché siamo detentrici del titolo. In questo occasioni i tifosi non deludono mai, ci fanno sempre sentire a casa ovunque andiamo. Giocare un derby con questa gente dà una carica in più. Merito della vittoria è anche loro”.

Infine Cecilia Salvai: “E’ stata una vittoria molto dolce e importante perché andare in Europa era un obiettivo del Brescia e della società. Abbiamo preso gol su una loro ripartenza, poi nell’intervallo ci siamo guardate negli occhi perché ci mancava un po’ di grinta. Questa grinta nel secondo tempo ci ha permesso di vincere la gara nel secondo tempo. Mozzanica? Non dobbiamo calare la concetrazione, è sempre importante giocare per i tre punti anche se abbiamo già raggiunto l’Europa”.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!