Il Brescia festeggia, ma non vuole abbassare la guardia perché per raggiungere lo scudetto manca ancora qualche punto. Nel post partita del match contro l’AGSM Verona, le bresciane hanno parlato al sito della loro società.

L’ex della gara, Cristiana Girelli: “Il derby è sempre una gara un po’ particolare, oggi ancor di più essendo la prima di quattro finali. Siamo partite fortesegnando forse nel loro momento migliore, poi forse per stanchezza, forse per mancanza di concentrazione abbiamo permesso che la gara venisse riaperta; nella ripresa siamo state brave a rientrare bene in campo chiudendo la disputa con il 3-1. Da adesso si lotta ancor di più finché la matematica non ci premia. Caspita, cinque punti sono tanti punti se si pensa che mancano tre giornate alla fine, però tutto è ancora possibile e ripeto che serve la matematica. Fino ad allora si deve continuare a lottare, a partire da sabato a Tavagnacco che sarà ancora più dura di oggi. In casa sono tra le squadre più forti. Rimaniamo tranquille, consapevoli che era importante battere il Verona, ma preparandola come ogni altra partita decisiva. Lasciarle a sette punti è un bel distacco. L’amaro in bocca per quel meno uno c’è sempre, pesa e brucia. Nessuno lo dimentica, ma grazie a quello quest’anno stiamo entrando in campo più cattive per non lasciare punti a nessuno”.

Così invece l’ex PSG, Sara Gama: “Una buonissima giornata per noi – dichiara la triestina – si è portato a casa un risultato incredibilmente importante con in più anche altri risultati a nostro favore, siamo davvero molto contente. Abbiamo abbassato i ritmi e questa è una squadra che non ti perdona. E’ una nostra pecca che dobbiamo migliorare, per fortuna siamo riuscite a gestire la gara e chiuderla nella ripresa. I tifosi han fatto come sempre la loro parte, è stato bellissimo poter giocare in una cornice del genere. Per noi è il massimo. Trasferta molto complicata, sono una bella squadra al di là dell’ultima gara di Coppa Italia dove abbiamo ottenuto un risultato netto anche per come siamo entrate in campo: determinate e ciniche più del solito. Non sono da sottovalutare”.

Elisa Mele ha il merito di aver sbloccato il match con l’1 a 0: “Sono davvero contenta per la rete, ma è merito di tutta la squadra. La rete è giunta in un momento in cui la squadra stava davvero giocando benissimo. Il gol è per la mia nipotina Ludovica che è nata in settimana; sabato affronteremo una squadra che partirà subito forte e noi non potremo commettere passi falsi. Nazionale? Io sono qua, poi se arriva la chiamata in azzurro sarei ovviamente felicissima, ma adesso penso a fare bene con il Brescia che per il resto c’è ancora tempo”.

(Fonte foto: ACF Brescia)

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!