Calcio

Calcio femminile: le date della prossima stagione di Serie A e B e cosa cambia

Fonte: Twitter Juventus

La nuova stagione di calcio femminile prenderà il via il prossimo 14 settembre per quel che riguarda la Serie A mentre il campionato cadetto partirà il giorno successivo. Il 29 settembre sarà invece il momento dell’inizio della Coppa Italia con la fase preliminare mentre è l’11 dicembre la data da segnare sul calendario per l’entrata in scena delle squadre del massimo campionato nella coppa nazionale. La finale di Coppa Italia sarà disputata il 17 maggio 2020. Juventus e Fiorentina Women’s, dopo il lungo testa a testa dello scorso campionato, si troveranno una di fronte all’altra il 26 ottobre per la sfida di Supercoppa.
Approvate anche le procedure e i criteri per le integrazioni degli organici delle società che parteciperanno ai prossimi campionati di Serie A e Serie B. In questo caso varrà la classifica della stagione passata per il 60% mentre la dimensione sportiva influirà per il restante 40%.
Cambia anche il format del campionato Primavera: si passa da tre a due giorni formati da 12 squadre ciascuno.
È stato approvato, dal Consiglio Federale, il nuovo regolamento della Divisione Calcio Femminile. È stata predisposta la nascita di un Consiglio Direttivo formato da 7 elementi – 4 eletti dal Consiglio Federale su proposta del Presidente Federale e 3 eletti dall’Assemblea delle Società – che rimaranno in carica per quattro anni. Il Presidente Federale, invece, sarà eletto dal Consiglio Direttivo secondo le normative vigenti della FIGC e non potrà avere nessun rapporto – a nessun titolo – con le società partecipanti. Inoltre, questa carica rimane incompatibile con qualsiasi altra carica federale.
La preoccupazione maggiore è che sia un fenomeno di moda e si possa esaurire tutto l’entusiasmo generato dalla nostra nazionale con la fine del campionato del Mondo di Francia. Bisogna progettare il futuro basandosi sulla sostenibilità. Tutte le nostre aperture e tutto il lavoro che facciamo serve per riprendere alle esigenze delle società. Un aumento del carico fiscale potrebbe indurre a rinunce e quindi influire negativamente” le parole del presidente Gravina soprattutto sul tema dell’introduzione del professionismo anche nel calcio femminile.
E le sue preoccupazioni sembrano essere fondate dopo la rinuncia del ChievoVerona Valpo e il possibile (e ormai prossimo) forfait del Mozzanica.

 

Informazioni sull'autore

Diletta Barilla

Diletta Barilla

Da sempre appassionata di sport seguo prevalentemente il calcio, anche nella sua versione più “grezza” il soccer della lega americana. Sarà forse per la data di nascita, il 4 luglio, ma ho un debole per gli atleti a stelle e strisce e tutto lo sport made in USA. La racchetta da tennis sempre a portata di mano, il pallone come mantra

Commenta

Clicca qui per commentare